Con Accelerate i Rem parlano di politica

Come annunciato qualche tempo fa, sta per uscire l’ultimo album dei Rem, Accelerate: si troverà nei negozi dal prossimo 28 marzo e si propone di dare voce alla voglia di cambiamento di un America pronta a girare pagina.

Almeno è questo quello che si augura il gruppo che ha voluto regalare agli estimatori 11 nuove canzoni per un totale di 34 minuti intensi e probabilmente in grado di offuscare le ultime prestazioni, non sempre bellissime.

Lo scopo è superare i limiti e questa ricerca si ritrova in Living well is the best revenge, Supernatural Superserious, Houston (brano sul dopo-Katrina) e I’m gonna DJ (ispirata ai disordini che nel ’99 a Seattle segnarono la riunione della World Trade Organization), le canzoni forse più rappresentative di Accelerate quelle che hanno permesso ai Rem di "ridurre tutto ad essenza".

"Abbiamo composto quasi esclusivamente su chitarre elettriche. Lo abbiamo registrato per lo più live in studio, usando di solito le prime versioni. In verità abbiamo eliminato i versi ed i ritornelli che non erano assolutamente necessari, cercando di scoprire di che cosa ogni canzone avesse bisogno ed eliminando tutto il resto", ha fatto sapere il bassista del gruppo, Mike Mills.

"Il disco l’abbiamo inciso praticamente in diretta, perché ce la caviamo meglio sul palco che in studio e così ci è sembrato giusto affrontare le registrazioni con la stessa mentalità dei concerti", ha spiegato il chitarrista Peter Buck parlando di brani che riportano agli anni ’80. "Per lo più sono pezzi da due minuti-due minuti e mezzo suonati a volume esagerato, in cui si respira l’energia giovanile e un po’ folle dei nostri esordi".

A chi gli chiede se si sentono un gruppo impegnato dicono di no ma in realtà tutto il disco parla di politica e proprio Michael Stipe ha dichiarato che "oggi le cose stanno diversamente e per fortuna sembra arrivato il momento del cambiamento. Credo che i candidati democratici siano entrambi all’altezza del compito che li attende, anche se Barak Obama ha qualche chance in più di Hillary Clinton, perché l’ex first lady è più vulnerabile per via dei suoi legami con l’establishment. Ma non dobbiamo dimenticare che stiamo parlando sempre di politici, non esattamente il tipo di gente che lascerei entrare in casa".

Proprio in occasione dell’uscita di Accelerate, il 27 marzo su Mtv Italia andrà in onda il concerto speciale che i Rolling Stones hanno tenuto al Rolling Stones di Milano ieri sera.


La band di Michael Stipe si esibirà
inoltre il 20 luglio a Perugia al Parco Giuliana, il 21 all’Arena di Verona, il 23 alla Mostra d’Oltremare di Napoli, il 24 alla Villa Manin di Udine, il 26 all’Arena civica di Milano.