Donatella Rettore torna con Stralunata

Ci sono carriere artistiche che iniziano improvvisamente in circostanze inaspettate, ne esistono altre che cominciamo con la prospettiva di un successo perenne e senza fine, ma che si stroncano al primo flop; e poi ci sono quelle carriere artistiche che nascono con un destino già scritto, innato.

È il caso di una delle dive anni ottanta più conosciute: Donatella Rettore.

Figlia di un attrice goldoniana, la gavetta della cantante veneta comincia prestissimo già a partire dalla fine degli anni settanta che, però, non le hanno mai concesso quello slancio in più per diventare una delle artiste più nominate del periodo.

Gli anni ottanta non tardano ad arrivare ed esplodono con una ventata di novità e di cambiamento per Donatella che, messo da parte quel nome femminile identificandosi semplicemente con Rettore, parte alla volta del successo senza più fermarsi!

Dopo le sue hit anni ottanta come, Splendido Spendente, il Cobra, Lamette, entrate tra le canzoni più famose del periodo lustrini, la raggiante artista veneta torna a farsi sentire con un riepilogo delle sua vita artistica in un cofanetto con cd e doppio dvd in cui ripercorre tutti i suoi maggiori successi.

In “Stralunata” compare un inedito dal titolo Prima Donna, che rivisita le atmosfere tipiche rettoriane con un tocco di eleganza in più ed il suo adattamento alle sonorità più recenti.

La promozione del suo ultimo atto lavorativo, è in corso in questi giorni ed ha toccato le maggiori città italiane, quali Roma e Milano per giungere in sud Italia, il prossimo 28 settembre, in cui dedicherà un concerto alle terre mediterranee salentine di Ugento.