0 Shares 24 Views
00:00:00
17 Dec

Escala, un quartetto bionde di successo

- 3 giugno 2009
3 giugno 2009
24 Views

Mentre tutti parlano di Susan Boyle, dall’Inghilterra arriva un quartetto di bionde: si chiamano Escala e se il nome ci ricorda il nostro italianissimo teatro milanese le loro doti lo ricordano da vicino visto che loro suonano molto bene la classica e soprattutto lo fanno in maniera non tradizionale.

Sono infatti super innovative Chantal, Izzy, Tasya e Victoria, le quattro girls britanniche lanciate nel 2007 Britain’s Got Talent, lo stesso noto per aver reso famosa la bruttina dal grande talento Susan Boyle.

 

Pur non essendo vincitrici ufficiali, hanno però riscosso immediatamente grande approvazione tra il pubblico, grazie alla capacità di proporre un fortunato mix di musica classica ed elettronica.

 

Con i loro violini d’argento e una massiccia dose di originalità hanno già conquistato oltre un milione e duecentomila web fan e ora si apprestano a contagiare con il loro nuovo genere le classifiche d’Europa e degli Stati Uniti.

 

Il loro primo album, prodotto da Trevor Horn, uscito il 25 maggio 2009, è decisamente promettente e rivoluzionario, dal momento che unire il pubblico classico e quello dance è una sfida da sempre contro corrente e non facile.

 

Ma le Escala hanno buone possibilità di scalare rapidamente le classifiche e, consapevoli dell’intrigante fascino e ricche di personalità, puntano a proporre un prodotto a tutto tondo, fatto anche di immagine e sex-appeal.

 

Bionde, sorridenti, snelle indossano abitini corti che valorizzano le curve e il loro format peperino al femminile è facilmente associabile a quello speziato delle  colleghe mature e affermate, le Spice Girls.

 

Riusciranno queste ragazze ambiziose, brillanti, talentuose e musicali a pareggiare il successo del famoso gruppo britannico? E magari a superarlo puntando sul pubblico dell’opera? Non c’è modo di scoprirlo, se non stando a vedere. O meglio, a sentire.

 

Le Escala a Britain’s Got Talent:

Loading...

Vi consigliamo anche