Fabrizio De Andrè, esce Effedia – Sulla mia cattiva strada

A dieci anni dalla scomparsa, Bmg Sony/Nuvole rende omaggio a Fabrizio De Andrè pubblicando il cofanetto Effedia – Sulla mia cattiva strada, due cd più il documentario di Teresa Marchetti presentato nel corso dell’ultimo Festival del cinema di Roma.

Il cofanetto comprende anche i tre inediti ritrovati cinque anni fa dalla fondazione genovese De Ferrari: un canto popolare, una ballata romantica ed un pezzo goliardico.

"I nastri, che risalgono agli anni Sessanta, appartenevano al fondo del musicologo anglo-genovese Edward Neill, acquistato nel 2003 dalla nostra Fondazione", ha spiegato Fabrizio De Ferrari, presidente dell’omonima fondazione. "Al loro ritrovamento abbiamo contattato Dori Ghezzi che dopo un primo scetticismo ha deciso di incontrarci ed è rimasta colpita dalle registrazioni".

Sarebbe stato proprio Edward Neill a convincere Fabrizio De André a incidere le tre canzoni.

Il risultato fu il riarrangiamento del testo tradizionale piemontese Maria Giuana (uno dei tre brani), vera e propria anticipazione dell’album dialettale Creuza de ma, pubblicato nel 1983.

Ma anche Dai monti della Savoia, vicenda di un cantastorie interamente composta da De Andrè molto simile ai suoi primissimi successi e la goliardica Bella se vuoi volare, eseguita con due cantanti folk, con giochi di parole e doppi sensi, ispirata al repertorio della storica compagnia di universitari genovesi Baistrocchi che De André frequentava negli anni Cinquanta con Paolo Villaggio.