Gianna Nannini: “voglio un figlio!”


Gianna Nannini si racconta a Vanity Fair, nel numero che uscirà domani in tutte le edicole.

La Nannini afferma: "sono pronta per avere un figlio. Adesso avrei la testa e l’età giusta per farlo!".

Per poi aggiungere: "mi piacerebbe trasmettere qualcosa di buono a qualcun altro, anche se non ho una visione classica della famiglia e dei ruoli e non credo che un figlio appartenga ai genitori!"

A Vanity Fair la cantante racconta soprattutto il difficile rapporto avuto con il padre, venuto a mancare nel Febbraio 2007; un rapporto burrascoso e fatto di incomprensioni quello che li legava, tanto da andarsene di casa per insegiure il proprio sogno di cantante.

Il padre, Danilo, era un imprenditore dolciario, appartenente alla borghesia. Gianna viveva male proprio l’etichetta di "figlia di papà" e faceva di tutto per essere l’opposto della classica brava ragazza.

Soltanto adesso, dopo la sua morte, Gianna si è resa conto di quanto la figura del padre è stata cruciale nella sua vita: "se non ci fosse stato lui a dirmi di non fare la cantante, probabilmente non avrei mai trovato al forza di diventarlo!"

Gianna e il padre sono sempre stati lontani finchè lui era in vita ma adesso, ad un anno dalla sua morte, la cantante afferma: "ripensando ai suoi difetti, li rivedo uguali; mentre i suoi punti di forza mi appaiono ingigantiti".

"Non mi sono mai sentita figlia dei miei ma adesso la mancanza di mio padre mi fa piangere…"


Anche i ribelli possono redimersi…