0 Shares 9 Views
00:00:00
18 Dec

Gli Oasis vietati in Cina

dgmag - 3 marzo 2009
3 marzo 2009
9 Views

Gli Oasis non suoneranno in Cina: a stabilirlo è stato il Governo di Pechino che ha revocato i concerti di aprile dopo aver scoperto che Noel Gallagher partecipò nel 1997 ad un concerto a favore della liberazione del Tibet negli Stati Uniti.

"Gli Oasis sono estremamente dispiaciuti", ha spiegato l’ufficio stampa della band inglese, "e sperano che le autorità cinesi prendano in considerazione la possibilità di tornare sulla loro decisione e permettano loro di esibirsi".

La Cina è famosa per la censura nei confronti dei cantanti occidentali: nel 2006 toccò al rapper Jay-Z a causa del suo linguaggio profano, nel 2004 Britney Spears ha potuto esibirsi ma solo con abiti più castigati di quanto prevedeva il suo tour e l’anno scorso la cantante islandese Bjork è stata censurata dai media cinesi per aver urlato "Tibet libero" durante un concerto a Shanghai.

La smentita da parte della Cina è arrivata subito con uno dei promoter di Beijing All Culture Communication Co Ltd, una piccola società che promuove soprattutto balletti e concerti di musica tradizionale cinese più che eventi rock, che ha detto a Reuters che il tour della band è stato cancellato a causa della "dura situazione economica".

Gli Oasis si esibiranno comunque in tutte le altri aree dell’Asia come previsto dal calendario dei loro concerti.

Loading...

Vi consigliamo anche