La linguaccia dei Rolling Stones? Roba da museo

Rolling Stones delle meraviglie! C’è poco da stupirsi se il cantante degli Oasis Liam Gallagher ha affermato di voler seguire le orme di Mick Jagger & soci, ossia di mantenere uno stile di vita rock’n’roll ad oltranza e di andare in giro a suonare ben oltre l’età della pensione. Infatti la mitica band inglese è sempre sotto i riflettori per qualche motivo.

E se solo poco più di un mese fa si gridava al miracolo perché un panettiere inglese si è svegliato da un coma di circa dieci settimane ascoltando (I Can’t Get No) Satisfaction, forse in assoluto il pezzo più famoso delle Pietre Rotolanti, ora la band di Jagger torna alla ribalta per un’altra clamorosa notizia: il prestigioso Victoria and Albert Meseum di Londra avrebbe sborsato a un’asta tenutasi negli Stati Uniti la ragguardevole cifra di 63.000 euro per aggiudicarsi il disegno originale della mitica linguaccia degli Stones.

Quel famoso e fortunatissimo logo venne ideato nel 1970 e la sua prima apparizione la fece sulla copertina dell’osannato album Sticky Fingers; Jagger cercava un’immagine nuova per la band e fece una selezione tra una serie di giovani promettenti che frequentavano scuole d’arte.

Alla fine venne scelto il disegnatore John Pasche, che ebbe la provvidenziale idea del logo al suo primo incontro con il frontman degli Stones quando rimase colpito dalle enormi e carnose labbra dell’affascinante Mick. L’atto della linguaccia venne da sè: quale simbolo più irriverente per gli irriverenti Rolling Stones?

L’idea piacque talmente tanto che il lavoro venne pagato 200 sterline in più delle 50 pattuite inizialmente. Oggi il buon Pasche, cuore di papà, ha affermato di aver venduto l’originale della linguaccia per permettere al figlioletto di mettere da parte una corposa borsa di studio per il futuro.

 

Ora non ci resta che aspettare di poter vedere la linguaccia dal vivo, direttamente al museo: nell’attesa il consiglio è di riguardarvi Shine A Light, il lungometraggio sulla storia dei Rolling Stones diretto da Martin Scorsese, in vendita in DVD a partire dai primi giorni di novembre.