Metamorfosi, il nuovo album di Raf

Ci sono degli artisti che rimangono nel cuore e ci accompagnano con le loro canzoni da sempre, punti fermi che continuano ad emozionarci non appena un accenno delle loro vecchie sonorità giunge alle nostre orecchie.

Ci sono canzoni che ricordano i film che ci hanno fatto piangere, sorridere creando quello “sfarfallio” allo stomaco non appena un loro ritorno in sordina passa tra i nostri pensieri.

Uno dei “forieri” di tal movimento musical-reminiscente è Raf!

Lo ricorderanno tutti quando ha cominciato a muovere i primi passi con il  sound anni ottanta mutuato da qualche tradizione inglese con Self Control; e come dimenticare il ciuffo ribelle di una moda ormai andata, ma forse ultimamente ritornata, in cui cantava Cosa resterà degli anni ‘80?

Raffaele Riefoli, passato al secolo come Raf, è uno di quegli artisti sempreverde che ha lasciato traccia delle sue produzioni sia come compositore di testi (“Si può dare di più” che vince il festival di Sanremo nel 1987) che come musicista a tutti gli effetti guadagnandosi collaborazioni con Claudio Baglioni, Laura Pausini, Edoardo Bennato e molti altri.

Raf torna fra due settimane ad inaugurare l’autunno 2008 con il suo nuovo disco dal titolo Metamorfosi. L’album che sarà nei negozi già dal prossimo 26 settembre, è anticipato dal singolo Ossigeno, disponibile in formato digitale già dal 29 agosto.

 

L’ultimo lavoro del cantautore pugliese risale al 2006, Passeggeri Distratti, per il quale ha diretto anche il videoclip del singolo di lancio, Dimentica.