Ornella Vanoni torna con Più di me e festeggia i 50 anni di carriera

In questo clima autunnale abbiamo avuto l’onore di assaporare nuove uscite discografiche stravolgenti e ricche di curiosità, come il disco degli AC/DC, oppure quello di Ani Difranco, sino ai Travis, i Cranes e i Take That.

Le vera novità di questo periodo che fà riaffiorare alla mente i ricordi musicali, sembra essere quella di brani già sentiti e rimpastati in raccolte musicali (vedi Biagio Antonacci o Christina Aguilera); in cover come il successo Acchiappanuvole di Mango che si è dedicato a duetti di professionalità non indifferente con quelli con Baglioni e Battiato.

A prendere spunto da questa tendenza è stata anche l’ormai settantaquattrenne, non per questo alla sera della sua carriera, Ornella Vanoni che è tornata con un album di suoi brani editi, dal titolo Più di me, nei negozi dal prossimo 17 ottobre.

Per l’occasione, in onore della celebrazione dei suoi cinquantanni di carriera, Ornella è stata accompagnata in questo disco da artisti della scena musicale italiana del calibro di Jovanotti (per “Più”), di Eros Ramazzotti, Carmen Consoli, i Pooh, Claudio Baglioni.

Una delle interpretazioni inaspettate è stata quella di Mina che ha registrato negli studi di Lugano, separatamente da Ornella: le due voci sono state poi montate in un duetto che sicuramente passerà alla storia. C’è chi ha insinuato che la divisione fisica nella registrazione delle due interpreti derivi dalla loro rivalità, ma la Vanoni smentisce prendendola con ironia.

Anche la Mannoia è una delle protagoniste dei duetti di Più di me, scelta da Celso Valli (produttore della Vanoni) per condividere le sonorità brasiliane che tanto piacciono ad entrambe.

Tutti si staranno chiedendo: e Gino Paoli?

Una serie di malintesi non ha reso possibile la partecipazione dell’ “uomo musicale” di Ornella, nell’album: il produttore aveva pensato ad un “romantico” e storico duetto con la Vanoni in Ti lascio una canzone, ma purtroppo non sarà presente nella fatica ultima dell’artista dai riccioli rossi.