Poeta Massimo, un cd per Massimo Troisi

Il sorriso aperto ma timido; lo sguardo pulito e sempre un po’ velato di una dolce malinconia; la comicità quasi del tutto involontaria frutto di saggezza popolare, tradizione partenopea e simpatia innata.

L’indimenticato ed indimenticabile Massimo Troisi torna a far rivivere nei cuori e nelle orecchie di chi lo ha amato tutto il suo talento e la sua delicata poesia, grazie ad un disco presentato il 4 aprile.

Poeta Massimo è una raccolta di dodici brani scritti da Troisi negli anni ’70 quando, ancora lontano dal successo del grande pubblico ottenuto con La Smorfia, la vena poetica e a tratti sofferente del grande comico napoletano prendeva il sopravvento e aveva tutta l’urgenza di diventare parola.

Artefice di questa riscoperta del Troisi poeta e canzoniere è l’amico di sempre nonchè compagno d’avventura Enzo Decaro.

Proprio lui ha custodito per trent’anni i versi di Massimo: stralci di pensieri, liriche brevi e profonde nelle quali spicca, a tratti, quasi la premonizione di una vita interrotta troppo presto. Piccoli affreschi dei sentimenti più reconditi di quell’uomo con il "cuore malandato", come egli stesso scrive e si definisce in una di queste poesie. Un pensiero alla mamma scomparsa nel 1971 trova posto nel brano Rimpianti; uno sguardo alla sua Napoli, la consapevolezza della brevità e della fuggevolezza della vita terrena.

Riflessioni che già all’epoca avevano trovato forma musicale nelle note della chitarra suonata da un giovane Decaro che, solo recentemente e con gran sorpresa, ha per caso ritrovato un vecchio nastro inciso artigianalmente e finito in un cassetto dimenticato.

Musica e parole erano già lì, quasi aspettassero di esser riscoperte e ricordate, pronte per prendere una forma definitiva e quindi venir offerte a chi Massimo non l’ha mai dimenticato; senza nicchiare sul male che nel giugno del 1994 s’è portato via Troisi, poichè i proventi della vendita di questo cd edito da Alabianca andranno all’Associazione Bambini Cardiopatici del Mondo.

Lodevole l’iniziativa di Decaro: una buona occasione per far del bene e per far tornare a rivivere una piccola parte della grande arte di Massimo Troisi.