Robbie Williams vuole tornare con i Take That

Non sono rumors o lusinghe di circostanza perchè questa volta la fonte è il sito ufficiale di Robbie Williams, Inner Sanctum, che pubblica le testuali parole del cantante: “mi piacerebbe essere di nuovo con i Take That, sarei al settimo cielo”.

Ci volevano 12 anni, una re-union che ha collezionato successi da record in cui egli risulta unico assente e una quota di batoste per non essere riuscito a sfondare in America prima di capirlo.

Ora il capriccioso Robbie tenta l’aggancio: dichiara che quest’estate ha trascorso molto tempo con i suoi vecchi compagni, di averli trovati (e di essersi scoperto) più maturi e di essere riuscito con loro ad appianare quel rapporto travagliato che lo aveva portato alla rottura nel 1996.

“Abbiamo fatto molti discorsi seri riguardo ai problemi tra di noi e tutto si risolve in una sola cosa: siamo stati vittime delle circostanze,nessuno aveva torto e nessuno aveva ragione … tutto è passato e basta”; poi aggiunge che “abbiamo riso molto, soprattutto i primi giorni” e si abbandona ad un melanconico “mi mancano le risate coi ragazzi”.

Nel frattempo i rinati Take That, che si preparano a toccare l’Italia questo week-end con il tour del loro ultimo album Circus, non rilasciano alcun commento alle parole del quinto ex-componente.

Solo Marc Owen azzarda dicendo che in ogni caso, una eventuale collaborazione con Robbie sarà un’assoluta sorpresa: nessun annuncio, nessun preavviso; quasi a voler chiarire che bisogna che gli eventi facciano il proprio corso.

 

L’interprete di Feel però se da un lato accarezza il pensiero di ritornare tra i suoi, definendosi  orgoglioso dei nuovi Take That ed entusiasta del nuovo album, nello stesso tempo cerca di mettere le mani avanti: “mi piacerebbe tornare con la band, ma per il momento ho alcune cose mie che devo finire”.

Insomma, il quesito che tutti si pongono, che forse in coscienza si pone anche Robbie  e che il Daily Mirror irriverentemente ha già avanzato è: ma gli altri, lo rivorranno nel gruppo?