0 Shares 10 Views 1 Comments
00:00:00
18 Dec

Sanremo 2010, canzoni in dialetto e stile da reality

dgmag - 15 novembre 2009
15 novembre 2009
10 Views 1

Se è vero quel che circola nell’ambiente, al prossimo Festival di Sanremo si potranno presentare canzoni in dialetto.

Lo stabilirebbe il sesto articolo del regolamento secondo cui oltre alla lingua italiana "si considerano appartenenti alla lingua italiana, quali espressioni di cultura popolare, anche le canzoni in lingua dialettale".

In sostanza, dunque, se finora il dialetto era equiparato alla lingua straniera e si poteva contemplare in minima parte nelle canzoni del Festival, dal 2010 il dialetto viene equiparato alla lingua italiana e dunque volendo un cantante potrà presentare anche un’intera canzone in vernacolo.

Per ora si tratta solo di indiscrezioni ma stando alle reazioni la presentazione del nuovo regolamento di Sanremo 2010, domani, potrebbe creare confusione e qualche fastidio.

Perchè ad esultare è la Lega Nord che parla di riconoscimento di specificità locali come elemento che arricchisce la cultura italiana.

In molti, a partire da Enzo Mazza della Federazione dell’industria musicale italiana, sono contrari e in molti pensano sia una trovata surreale o ironica.

A curare il cast saranno il direttore artisti­co Gianmarco Mazzi e la con­duttrice Antonella Clerici e le serate del Festival saranno cinque (dal 16 al 20 feb­braio) con i cantanti divisi in due categorie: gli Artisti saranno 14 e quelli appartenenti a Sanremo Nuo­va generazione saranno 8.

La serata del giovedì sarà dedicata alla leg­genda di Sanremo per cui star italiane e internazio­nali interpreteranno la canzone della storia del Festival canoro.

Per arrivare al vincitore ci sa­rà un meccanismo a più livelli, in stile reality, con esclusioni e rientri; nel corso della prima serata i due meno votati dalla giuria demoscopica che come l’anno scorso sa­ranno in sala finiranno in nomination. Non si esibiranno nella seconda, al ter­mine della quale altri due ri­schieranno l’eliminazione.

I quattro torneranno il giovedì e potranno farsi affianca­re da ospiti e due di loro, con una decisione al 50% della giu­ria tecnica formata dai maestri dell’orchestra e al 50% dal tele­voto, verranno riammessi.

Alla quarta serata i 12 rimasti in gara saranno votati da giuria tecnica e televoto e solo dieci avranno accesso alla finale; sabato sera doppia votazione che sceglierà i tre da mandare al te­levoto definitivo.

Loading...

Vi consigliamo anche