Syria torna con Un’altra me

Dopo tre anni di silenzio discografico torna Syria e lo fa con una veste tutta nuova.

Anticipato dai singoli La distanza e Canzone d’odio, esce Un’altra me (Sony-BMG) un disco dal titolo emblematico contenente 11 pezzi di alcuni dei gruppi più interessanti della scena indipendente italiana – Nothpole, Deasonika. Non voglio che Clara, Filippo Gatti, Mambassa, Perturbazione, Marta sui Tubi, Blume, Marcilo Agro, Atleticodefina –  e impreziosito da un inedito di Sergio Endrigo musicato da Cesare Malfatti (La Crus).

Negli ultimi anni Syria si è avvicinata al mondo indie rimanendo affascinata da gruppi e artisti che le hanno aperto un nuovo orizzonte musicale e altri mondi da raccontare; un viaggio ricco di spunti, incontri e confronti che hanno fatto nascere in lei il desiderio di avviare una ricerca partita con la presa in prestito di testi che più si avvicinano al suo sentire e al suo gusto per dar vita a qualcosa di nuovo.

Indispensabile la collaborazione con Cesare Malfatti che l’ha aiutata a mettere insieme i tasselli, conferendo ai brani un’identità nuova e un’uniformità sonora che spazia dall’elettronica al new jazz grazie anche al prezioso contributo di Leziero Rescigno, Luca Saporiti e Davide Rossi.

Cavalcando una delle tendenze del momento, Syria ha veicolato su MySpace sia l’anteprima dei video de La distanza e di Canzone d’odio, per la regia rispettivamente di Romana Meggiolaro e Cosimo Alemà, che quella dell’album, disponibile in rete per cinque giorni.