Tom Jones torna con 24 hours

Tom Jones torna con 14 canzoni autobiografiche in 24 hours, il nuovo album in uscita il 28 novembre e presentato in anteprima in Italia.

Delle 14 canzoni, 9 sono firmate da Jones stesso che ha così spiegato la sua decisione di diventare, almeno per una volta, autore: "i miei nuovi discografici mi avevano proposto una lista di brani altrui, ma l’unico che mi piaceva era The hitter di Bruce Springsteen. Così mi sono trovato a scrivere più che altro per necessità. La scintilla è scoccata una sera conversando con Bono in un pub di Dublino. Gli avevo chiesto di scrivermi una canzone, lui ha acconsentito anche perché mi ha confessato di amare molto il mio modo di vestire negli anni ’60. Ha cominciato a farmi domande su com’era crescere in Galles alla mia epoca, sui lavori che ho fatto prima di diventare cantante. La canzone (“Sugar daddy”, che porta anche la firma di The Edge) è arrivata, è molto ironica e mi piace. Ma poi mi sono detto che quel processo creativo, basato sui fatti reali della mia vita, potevo metterlo in pratica anche da me, facendomi aiutare da altri bravi compositori".

"Il pezzo che intitola l’album è una continuazione di Green green grass of home, uno dei miei maggiori successi negli anni ’60: più precisamente dell’ultima parte in cui il protagonista riflette sulla sua esistenza. L’ho intitolata 24 hours per esprimere il senso di ciclicità, le giornate che si susseguono una dopo l’altra senza interruzione.

In The road parla invece del suo rapporto duraturo e a volte turbolento con la moglie mentre di The Hitter dice: "mi piace perché racconta una bella storia. Amo le canzoni con una bella melodia e quelle che raccontano delle storie adottando una prospettiva poco ovvia. Si può cantare anche di sesso, perché no, basta che il testo sia intelligente e interessante. Nella mia vita non ho mai accettato di cantare canzoni che non mi piacessero. Solo What’s new pussycat? di Burt Bacharach, all’inizio, non mi convinceva proprio, aveva una melodia inusuale a cui non ero abituato. Poi ho scoperto che anche il film con Woody Allen di cui era colonna sonora era un po’ pazzerello, e ho accettato la sfida".

Il nuovo album di Tom Jones sarà nei negozi il prossimo 28 novembre.

Il video di Sex Bomb, la canzone più famosa di Tom Jones: