0 Shares 79 Views
00:00:00
27 May

Gianluigi Buffon lascia la Juventus

LaRedazione - 17 maggio 2018
LaRedazione
17 maggio 2018
79 Views
Gianluigi Buffon

Gianluigi Buffon lascia la Juventus. L’annuncio del portiere durante una conferenza stampa. Vari i punti toccati dall’estremo difensore bianconero e della Nazionale.

Gianluigi Buffon e il suo addio: i motivi

Un Gianluigi Buffon emozionato quello che si è presentato in conferenza stampa. Buffon: “Sabato sarà la mia ultima partita con la maglia della Juventus”
“Sabato sarà la mia ultima partita con la Juventus e credo che sia il modo migliore per finire questa avventura. La mia paura era di arrivare alla fine di questa avventura con la Juve da sopportato o da giocatore che aveva fuso il motore, posso dire che non è così.

E posso dire fino a 40 anni di aver potuto esprimere il mio meglio ma di aver espresso in campo prestazioni degne del mio nome e della Juventus. Arrivo a questo saluto sereno e felice. Grazie alla Juventus, nel 2001 hanno preso un talento straordinario e se ora è diventato un campione è perche la Juve ha fatto sì che accadesse. Se a 40 anni sono ancora qui è solo merito della mentalità Juve. Questa filosofia l’ho fatta mia e la userò anche in futuro nel post calcio se dovesse servire”, sono queste le prime parole di Buffon.

Il suo futuro: cosa farà?

Gianluigi Buffon ha risposto anche alle tante domande che gli sono state poste dai giornalisti. Molti i dubbi ancora in merito al suo futuro. “Tante proposte in campo e fuori, settimana prossima deciderò. Sabato giocherò una partita che è la mia unica certezza. Andrea è a conoscenza di quello che sta accadendo ed è un consigliere del quale non voglio privarmi.

Fino a 15 giorni fa era risaputo che avrei smesso di giocare. Adesso sono arrivate delle proposte e delle sfide stimolante sia in campo che fuori. La più importante mi è arrivata proprio da Andrea e dopo questi tre giorni densi di emozioni, la prossima settimana dopo qualche riflessione serena prenderò la decisione definitiva. Seguirò ciò che urla la mia indole e la mia natura. Questa stagione è stata snervante e stancante, con alti e bassi clamorosi: qualche perplessità per lo scudetto c’era dopo Juve-Napoli, dovevamo capire se eravamo ancora noi. E per l’ennesima volta abbiamo dato una risposta incredibile”, ha ammesso Buffon.

Il portierone ha aggiunto che “Ci tenevo a finire bene. Lascio la Juventus più solida e testarda di sempre. Su un possibile altro anno deciderò la prossima settimana, ma questo non cambierà nulla nel mio umore. L’importante era non macchiare questa mia vita nella Juve e non deludere certe persone che hanno creduto in me. La Juve è una società seria e deve programmare il futuro, sono il primo a capire questo. Io volevo solo finire nel miglior modo possibile. Per il futuro, sono un incosciente, non ho paura”.

Le parole del presidente

Il presidente bianconero Andrea Agnelli aveva preso la parola elencando i record del grande portiere juventino e della nazionale. “269 sono state sue partite, ha il record di imbattibilità ed è stato 89 volte capitano della Nazionale. Ha vinto di tutto e ha conquistato 26 trofei in 22 anni di carriera. Gigi è una persona altruista, carismatica, trasparente, ambiziosa, sincera e onesta. E’ un amico, oltre a essere il capitano. E’ stato in paradiso ed è sceso all’inferno e poi è ritornato in paradiso. Noi gli saremo sempre grati.

Questo è stato un anno logorante, lui se lo aspettava diverso. Voleva andare in Russia per giocare il suo sesto Mondiale, si è visto sfumare una finale di Champions e ha visto segnare qui Koulibaly in una gara che poteva farci perdere lo scudetto. Poi c’è stata la finale di Coppa Italia e la gara con la Roma, con Gigi che ha vinto il settimo scudetto consecutivo. Gli eventi di quest’anno non fanno cambiare la programmazione della Juventus. Noi sappiamo che il prossimo anno la porta della Juventus sarà gestita da Szcezney. Gigi ha proposte sia per ruoli fuori dal campo, che per continuare a giocare. Lui ha il mio supporto qualsiasi scelta farà: io voglio solo dirgli grazie.

Gigi lascia il testimone a Chiellini che ha già 13 anni di Juventus. E’ stata una grande emozione avere Gigi con noi, merita tutto questo affetto”.

 

Buffon: “Futuro? Non ho paura. Non giocherò in Italia”

Buffon ha proseguito: ” . Un po’ sì, ma una cosa giusta, moderata perché si prospetta cambio di vita e abitudini. Vivo di queste cose, vivo di questo. Togliermi da zona di comfort per misurarmi in avventure nuove che non conosco. Le sfide non mi hanno mai fatto paura ma mi hanno sempre stimolato. Giocare in Italia? Non se ne parla, cose romanzate come un ritorno al Parma, ma niente di più”.

Addio Nazionale

Un’altra delle notizie attese ha riguardato anche il capitolo NazionaleGianluigi Buffon ha comunicato che “il 4 giugno non indosserò la maglia dell’Italia contro l’Olanda. Non ho bisogno di altri attestati di stima e affetto o celebrazioni varie. Le persone vanno rispettate se si pensa che abbiano un valore”.

[Foto: Twitter]

Loading...

Vi consigliamo anche