0 Shares 85 Views
00:00:00
26 May

Roberto Mancini nuovo Ct dell’Italia. Balotelli verrà convocato

LaRedazione - 15 maggio 2018
LaRedazione
15 maggio 2018
85 Views
Roberto Mancini

Roberto Mancini è ufficialmente il nuovo Ct della nazionale Italiana. La presentazione è avvenuta tra l’euforia generale. E tante aspettative per il futuro.

Roberto Mancini, ct Italia

La presentazione alla stampa di Roberto Mancini è toccata al commissario della Figc Roberto Fabbricini –  Il commissario ha spiegato che “la scelta è stata determinata dal fatto che tutti i fattori che ritenevamo necessari si assommano nel nome di Roberto Mancini, che ringrazio per essersi dimostrato così innamorato di questa scelta. Anzitutto una voglia smisurata di sedersi su questa panchina, una forte spinta interiore di occupare una panchina così storica. Ha fatto una rinuncia importante anche a livello economico, interrompendo il rapporto con lo Zenit: anche questo è significativo”

Sono abbastanza emozionato: diventare ct. della Nazionale non è così banale. Ringrazio i commissari, Michele Uva e Lele Oriali, che mi hanno fatto sentire che mi volevano al cento per cento. E’ stata una scelta facile: sono orgoglioso, ho messo piede per la prima volta a Coverciano nel 1978, con l’Under 14, tornarci da c.t. mi rende felice, anche per i miei genitori, penso possano essere orgogliosi. Ringrazio tutti gli allenatori avuti da giocatore, che mi hanno aiutato per la crescita anche da allenatore”.

Prime indiscrezioni

Nel suo primo intervento, Roberto Mancini ha iniziato a fare i primi nomi .”Balotelli? Ci parleremo, probabilmente lo chiameremo, lo vogliamo rivedere come è stato agli Europei con Prandelli. Di Pirlo per lo staff abbiamo parlato con Costacurta e Oriali, adesso bisogna sentire lui e capire cosa vuol fare. Anche con Buffon parleremo per la partita di Torino: per adesso non c’è stato tempo. Voglio riportare l’Italia dove merita: sul tetto del Mondo e dell’Europa. Di Europei ne abbiamo vinti pochi. Non sarà facile, ci sarà molto da lavorare, ma potremo farcela”.

Continuando, il nuovo ct ha aggiunto che “i momenti difficili possono capitare, anche una mancata qualificazione può succedere. Non credo nemmeno che sia giusto dare la colpa a un allenatore. Certo, se non vinci in azzurro hai 50 milioni di persone arrabbiate con te, ma se riesci a vincere è una soddisfazione più grande. E’ difficile che un c.t metta d’accordo tutti. Nel rapporto coi club ci vuole rispetto, per loro e per i giocatori che giocano tantissime partite. Bisogna vedere come stanno, e valutare se a volte non vanno lasciati a casa a riposare”.

[Foto: http://www.ebru.co.ke]

 

Loading...

Vi consigliamo anche