0 Shares 25 Views
00:00:00
17 Dec

Le Monde: ‘Pantani fece uso di Epo nel Tour 1998’

LaRedazione - 24 luglio 2013
LaRedazione
24 luglio 2013
25 Views

Secondo il quotidiano francese Le Monde, Marco Pantani ha fatto uso di Epo anche nel corso del Tour de France vinto nel 1998, ovvero la gara che gli regalò la fama a livello mondiale. La denuncia arriva dal giornale transalpino a ridosso della pubblicazione di un’inchiesta che verrà illustrata presso il Senato della Repubblica francese, e che riguarda l’attività di lotta al doping con una vasta serie di test, riguardanti competizioni già svoltesi nel passato, effettuati nel 2004.

Il 1998 fu l’anno d’oro della carriera di Marco Pantani, quando riuscì a conquistare sia il Giro d’Italia che il Tour de France, una doppietta leggendaria anche perché fu messa a segno da uno scalatore puro. Nonostante i minuti persi nelle gare a cronometro, Pantani in quella stagione riuscì a capitalizzare il suo straordinario talento sulle vette più alte, portando a casa quelle grandi corse a tappe che precedentemente gli erano sempre sfuggite.

Poi la doccia fredda nel 1999, quando era in procinto di conquistare il suo secondo Giro d’Italia consecutivo: arrivò invece il controllo a sorpresa di Madonna di Campiglio, ed i valori ematici sopra la norma (pur di poco) comportarono la sua esclusione dalla corsa. Da lì, una china discendente di depressione che devastò il campione romagnolo, fino a portarlo alla morte, in solitudine, nel 2004 a soli trentaquattro anni.

Una storia triste che ora potrebbe tornare d’attualità, visto che nell’inchiesta francese il nome di Pantani potrebbe fare capolino assieme a quello di altri grandi del ciclismo internazionale dell’epoca, come Laurent Jalabert, Bobby Julich e Lars Ullrich, il tedesco che tra il 1997 ed il 1998 ingaggiò grandi duelli con Pantani al Tour de France per la conquista della maglia gialla. I risultati dei campioni di sangue prelevati in quelle stagioni, ed in particolare nel 1998, sono stati analizzati dal laboratori di Chatenay Malabry, ed i risultati saranno resi noti in questa settimana, visto che l’Unione Ciclistica Internazionale ha ritenuto non opportuno far uscire i dati nel pieno svolgimento dell’edizione di quest’anno del Tour de France. Per il “pirata”, come era soprannominato Marco Pantani, dunque, le polemiche potrebbero non essere finite se emergesse l’uso di EPO dai campioni analizzati a lui relativi, anche se va sottolineato come Pat McQuaid, presidente dell’UCI, abbia escluso che il nome del ciclista italiano possa essere cancellato dall’albo d’oro del Tour de France, un’eventualità che la famiglia di Pantani ha dichiarato di ritenere come un affronto alla sua memoria.

Loading...

Vi consigliamo anche