0 Shares 12 Views
00:00:00
16 Dec
Senza categoria

Formula 1, GP di Giappone: doppietta Red Bull a Suzuka. Vettel vicino al titolo

LaRedazione - 14 ottobre 2013
LaRedazione
14 ottobre 2013
12 Views
Formula-1-Gp-Giappone-le-pagelle_h_partb

Dopo Singapore e la Corea, anche il Giappone. La campagna d’Asia sta segnando il sigillo finale sul dominio delle Red Bull nel Mondiale di Formula Uno 2013. Quarta vittoria consecutiva per un Gran Premio per colui che si appresta a diventare campione del mondo per la quarta volta consecutiva, ovvero Sebastian Vettel, che prima di cambiare continente aveva comunque trionfato anche a Monza.

Il weekend nipponico è stato comunque tutto nel segno delle Red Bull, considerando che la pole position nelle prove ufficiali era stata conquistata da Mark Webber. Una situazione di assoluto dominio che è stata solo in parte disturbata dalla Lotus di Grosjean, con il francese che è stato protagonista di una straordinaria partenza, che ha costretto Webber a retrocedere in seconda posizione, mentre Vettel è rimasto ancora più attardato.

Un effetto sorpresa che è stato però il caratteristico fuoco di paglia, visto che le Red Bull hanno rapidamente ripreso il controllo della corsa, nonostante un inizio turbolento con il campione del mondo in carica che ha rischiato anche di uscire di pista e finire in testacoda, e soprattutto che è stato protagonista di un contatto con la Mercedes del britannico Lewis Hamilton, che ha avuto le peggiori conseguenze proprio per quest’ultimo, che ha visto compromessa la sua corsa giapponese. Dopo un inizio movimentato però le due Red Bull sono tornate nella scia di Grosjean, che perde la vetta dopo le soste ai box, e subisce quindi anche il sorpasso di Vettel, capace poi di prendere il comando della corsa dopo la terza sosta ai box di Webber.

Le due Red Bull piazzano dunque la doppietta, con Grosjean che si accontenta di salire sul gradino più basso del podio dopo una gara comunque di grande personalità. E le Ferrari? Male all’inizio entrambe le ‘rosse’, con Alonso scivolato in settima posizione e Massa in ottava. Il pilota spagnolo si è poi reso protagonista di una buona rimonta, limitando i danni e finendo quarto, mentre quello brasiliano si è arreso alla mediocrità passando davanti alla bandiera a scacchi in decima posizione.

Finendo ai piedi del podio Fernando Alonso ha comunque difeso la seconda posizione nella classifica del mondiale, portando a trenta i punti di vantaggio sulla Lotus del futuro ferrarista Kimi Raikkonen, che ha chiuso il Gran Premio giapponese al quinto posto. La vetta occupata da Vettel è però lontana novanta punti, e nel prossimo GP in India al tedesco basterà un quinto posto per confermarsi campione del mondo per il quarto anno consecutivo.

Loading...

Vi consigliamo anche

Il biotestamento è finalmente legge
Politica

Il biotestamento è finalmente legge

Emanuele Calderone - 15 dicembre 2017
Banche: Vegas si scaglia contro Boschi
Politica

Banche: Vegas si scaglia contro Boschi

Emanuele Calderone - 15 dicembre 2017