0 Shares 10 Views
00:00:00
16 Dec

Mondiali di nuoto: Settebello archivia la Cina e pensa alla Spagna

LaRedazione - 29 luglio 2013
LaRedazione
29 luglio 2013
10 Views

Il Settebello archivia la Cina ed è già concentrato sulla Spagna. Negli ottavi di finale dei Mondiali di pallanuoto, in corso di svolgimento a Barcellona, la nazionale maschile ha superato agevolmente la formazione asiatica e aspetta domani nei quarti i padroni di casa della Spagna.

Senza storia la sfida di ieri: troppo ampio il divario tra l’Italia – campione del mondo in carica – e la Cina, la sfida si è presto ridotta a una formalità, poco più che un semplice allenamento. 11-3 il risultato finale a favore degli azzurri, con quattro reti segnate da Alex Giorgetti, due ciascuno da Maurizio Felugo, Valentino Gallo e Matteo Aicardi, e una da Christian Presciutti. Settebello sempre in pieno controllo della situazione, la difesa ha tenuto senza particolari problemi, anche se andrebbe testata in occasioni più impegnative.
L’incontro come si diceva era ampiamente abbordabile, ma le sfide da ‘dentro o fuori’, ha sottolineato il commissario tecnico Sandro Campagna, possono sempre nascondere delle insidie.

La vittoria negli ottavi schiude al Settebello la porta del quarto di finale più difficile e suggestivo: domani sera gli azzurri affronteranno i padroni di casa della Spagna, in una sfida che non può non far tornare in mente a tutti gli appassionati la finale olimpica del 1992, disputata proprio a Barcellona, alla piscina Picornell di Montjuic. Allora gli azzurri si imposero in una sfida epica con il punteggio di 9-8, dopo sei tempi supplementari disputati in un ambiente infuocato. Sandro Campagna quel giorno era in vasca, e naturalmente ricorda tutto. Ci tiene quindi a mettere in guardia i suoi ragazzi. ‘A prescindere dalla situazione ambientale’ – ha dichiarato ieri – ‘la Spagna è temibile soprattutto per la sua forza, come si è visto negli ottavi contro gli Stati Uniti’.

Per Campagna la partita di domani rappresenta il momento della verità, anche se, precisa, ‘occorre ricordare che si tratta soltanto di un quarto di finale’. Per confermare il titolo mondiale di Shangai 2011, insomma, la strada è ancora lunga. L’attaccante Christian Presciutti è sulla stessa linea d’onda del suo allenatore: ‘Sarà una partita bollente’ – ha detto – ‘ma non dobbiamo temere nulla. Noi siamo il Settebello’.

Loading...

Vi consigliamo anche