0 Shares 11 Views
00:00:00
17 Dec

MotoGp Indianapolis: vince Marcquez. Rossi quarto!

LaRedazione - 19 agosto 2013
LaRedazione
19 agosto 2013
11 Views

Indianapolis conferma il momento magico di Marquez, con il pilota spagnolo che fa il pieno anche nell’ultimo appuntamento annuale negli Stati Uniti e prende il largo con decisione nella classifica del MotoGp. Adesso le lunghezze del ventenne della Honda Hrc su Daniel Pedrosa sono diventate ben ventuno, mentre quelle su Jorge Lorenzo sono addirittura trentacinque. Un divario che fa naturalmente di Marquez il logico favorito per la vittoria finale, ma che non lo pone certo al riparo dalla voglia di rivalsa dei connazionali. I quali, a loro volta, sono ancora alle prese coi postumi degli infortuni accusati di recente, ma non di meno vogliosi di lottare sino alla fine e vendere cara la pelle.
Il catino dell’Indiana, ha visto il quarto successo annuale di Marquez, nel quadro di un week end trionfale, che ha visto il pilota iberico dominare sin dal primo giro delle prove, ponendo subito le basi per la vittoria. La quale non è stata facile, soprattutto dopo l’avvio al fulmicotone di Lorenzo, il più lesto in partenza, di fronte a Pedrosa. Quando proprio Pedrosa è stato passato da Marquez, è però diventato chiaro che anche Lorenzo avrebbe potuto fare ben poco contro la strapotenza dei cavalli Honda, al terzo successo consecutivo ad Indianapolis.

Se la battaglia per il podio ha visto un monologo spagnolo, nelle retrovie è da segnalare l’ottima gara di Valentino Rossi, il quale dopo la non buona prestazione delle prove, ha dato grandi segnali di ripresa con una gara piena di orgoglio, nella quale ha ingaggiato una bella battaglia per il quarto posto. Vinta davanti a Bautista e Crutchlow, con il pilota iberico costretto ad inchinarsi alla classe del pesarese a due giri dalla bandiera a scacchi. Un segnale di ripresa che avrebbe potuto essere più consistente se Vale si fosse mosso prima, ma che fa ben sperare per l’ultima parte della stagione, la quale si apre con un Marquez sempre più favorito. Il pilota della Honda, sembra ormai aver messo da parte ogni timore reverenziale e può godere di una condizione psicologica invidiabile che trae ulteriore forza dalle non perfette condizioni fisiche dei rivali che sembrano risentire ancora dei guai patiti prima della sosta.

L’ultima nota riguarda la classifica costruttori, che vede una lotta a coltello tra Yamaha e Honda, separate ormai da un solo punto, ulteriore motivo di interesse per una seconda parte di stagione che si preannuncia appassionante.

Loading...

Vi consigliamo anche