1 Shares 11 Views
00:00:00
11 Dec

MotoGP: Marquez trionfa in Germania. E’ lui l’erede di Lorenzo

LaRedazione
15 luglio 2013
1 Shares 11 Views

Il gran premio di Germania sorride al giovane Marc Marquez (Honda), che balza in testa alla classifica mondiale nell’anno di esordio in MotoGP.
Il pilota spagnolo, approfittando dell’assenza di Pedrosa lo supera di due punti nella classifica iridata.

Meno felice la giornata di Valentino Rossi: il dottore, nonostante il terzo gradino del podio, non può ritenersi soddisfatto viste le assenze importanti del già citato Pedrosa e di Jorge Lorenzo e vista la crescita della concorrenza testimoniata dai sempre più frequenti nomi nuovi sui gradini del podio.
Il centauro di Tavullia resta dietro il terzetto di piloti spagnoli a 37 punti dal nuovo leader Marquez, quinto dietro Crutchlow che sul circuito di Sachsenring ha sconfitto proprio Rossi, piazzandosi secondo con ben 8” di distacco.

La partenza vede Marquez in pole farsi bruciare da un intraprendente Bradl, desideroso di fare una bella figura nella gara di casa: lo spagnolo non si affanna e gestisce la gara con maturità, aspettando il momento giusto per riconquistare la posizione sul centauro tedesco, che finirà fuori dal podio.

Rossi nonostante il guizzo che gli permette per un breve periodo di sopravanzare Bradl e Marquez è in difficoltà: lo spagnolo lo stacca e, nonostante riesca a tenere dietro il tedesco, si ritrova ben presto gomito a gomito con Crutchlow.
Il duello tra Yamaha M1 ufficiale e moto cliente si risolve con il pilota inglese che a 14 giri dalla fine supera il dottore che non riuscirà più a riprenderlo: nei seguenti giri il distacco cresce con le difficoltà di Rossi, arrivando ad 8 secondi.

Più dietro è Andrea Dovizioso a portare buone notizie: con il suo settimo posto ottenuto dopo un entusiasmante e prolungato duello con Espargaro è il primo pilota Ducati in classifica e sesto nella classifica mondiale.

I trenta giri di corsa volano via così, con Marquez che taglia per primo il traguardo ottenendo un’autorevole e meritata vittoria. Un successo importante, il secondo nella stagione d’esordio nella classe regina del Motomondiale che fa assaporare a quello che viene già definito l’erede di Lorenzo la vetta della classifica iridata e accumulare punti importanti.

Hanno influito indubbiamente le assenze di Pedrosa e Lorenzo: proprio questi ultimi, alla luce dei risultati sorprendenti del connazionale, potrebbero decidere di forzare i tempi e tornare già in pista nel prossimo weekend sul circuito statunitense di Laguna Seca.

Vi consigliamo anche