1,2,3…stalla: vince Imma Di Ninni

Si è concluso l’ennesimo reality sfortunato di casa Mediaset, 1,2,3…stalla, che ha visto trionfare Imma Di Ninni, la concorrente più asociale del gruppo e quella che maggiormente (e volutamente) ha fatto parlare di sè.

Una serata lunghissima, scandita da momenti che entreranno nella storia della televisione italiana per il loro essere dannatamente trash, ha consacrato Imma che si è imposta su Muschen e Luca Dorigo, entrato quando il gioco era già iniziato e a seguito del suio exploit televisivo dovuto alla rottura in diretta della “storia d’amore” con Melita Toniolo del Gf7 (se non è crossover questo, cos’è?).

Imma Di Ninni si porta a casa 300.000 euro, l’unico residuo del regolamento iniziale del gioco che prevedeva, si legge ancora nel sito di 1,2,3…stalla, che “con ogni contadino, due “ragazze dello showbiz” che dovranno trasformarsi in contadine sotto la sua guida, e che dovranno così contribuire all’ammodernamento della fattoria e alla sua economia di sussistenza. A vincere sarà il contadino che, al termine, avrà superato i contendenti, eliminandoli attraverso una serie di prove di squadra e individuali nel prime time. Il vincitore dividerà il premio con la preferita (una e una sola) tra le ragazze della sua squadra”.

Un misto di Simple Life, La Pupa e il Secchione e il Grande Fratello, questo 1,2,3…stalla si ricorderà come il programma più trash della stagione televisiva 2007 reso ancora più trash, alla fine dell’ultima puntata, dalle lacrime dei genitori della vincitrice.

Che altro aggiungere? Speriamo che esperimenti di questo tipo non si ripetano più…