Affari Tuoi, Max Giusti si mette in gioco

Cambio di conduzione ad Affari Tuoi, l’ormai consolidato gioco che Rai 1 propone in access prime time e che ha portato già molta fortuna a Flavio Insinna; adesso spera nel colpo di fortuna anche Max Giusti, chiamato a condurre la nuova edizione di Affari Tuoi a partire da lunedì 15 settembre.

Giusti si troverà di fronte un nuovo studio ispirato a un teatro ottocentesco ma anche una nuova incognita di gioco ovvero il pacco y che come il pacco x potrà contenere da 0,02 centesimi a 200.000 euro, e assisterà all’uscita di scena dell’ippopotamo Paolino ma è sicuro che Affari Tuoi sarà il suo vero trampolino di lancio.

Giusti sarà in televisione, in autunno, non solo con Affari Tuoi ma anche su Rai 2 in Quelli che… il calcio, su Mediaset con Distretto di Polizia, ancora su Rai 1 con la fiction Raccontami e di nuovo su Rai 2 con l’atteso Alter ego ma, dice, "ho alle spalle 25 anni di carriera, userò tutto quello che so fare: canto, ballo. Metterò in scena uno spettacolo di commedia dell’arte, della vita. Sento la responsabilità dell’access prime time ma voglio divertirmi e stupire".

Di sicuro Giusti darà la voce ad uno dei suoi personaggi storici, Cristiano Malgioglio, che sostituirà proprio l’ippopotamo Paolino.

Giusti, che ha seguito Affari tuoi dalle prime puntate con Paolo Bonolis alle ultime con Flavio Insinna dice anche: "ho pensato questo programma è arrivato alla perfezione però quando entro in studio me lo dimentico completamente. Due anni fa, quando non sono stato preso ad Affari tuoi forse non ero pronto. Non mi preoccupo degli ascolti, degli attacchi di Striscia la notizia. Vorrei restarne fuori, riguarda dirigenti e direttori, noi artisti dobbiamo impegnarci per portare al massimo la professionalità del nostro lavoro. Se Obama è il sogno americano, io non voglio ridurre il sogno italiano a un gioco tv, ma Affari tuoi è un piccolo sogno italiano. Alcuni tornano a casa con 500.000 euro perchè Affari tuoi è un programma trasparente".

Giusti apre così implicitamente il via alle solite polemiche che da sempre caratterizzano Affari Tuoi e che riguardano Rai, Endemol (che produce il gioco) e Codacons; se Rai ed Endemol sostengono che la sentenza del Consiglio di Stato ha confermato la regolarità del gioco, il Codacons continua a ritenere "tutto il casting fatto all’esterno dalla Endemol illegittimo, in quanto non è controllato dal ministero dello Sviluppo economico, cui deve essere inviato regolarmente e preventivamente ai fini dell’approvazione, a norma del D.P.R. del 2001. A giorni presenteremo inoltre le prime cause risarcitorie da parte di aspiranti concorrenti esclusi dal gioco dei pacchi. Se davvero si vuole garantire massima trasparenza al programma e alla scelta dei concorrenti allora deve essere prevista la presenza di funzionari del ministero durante i casting, per verificare il rispetto dei criteri di scelta. Quanto all’asserita trasparenza del gioco di cui parla oggi la Rai, il Codacons chiederà al Consiglio di Stato di rettificare la recente pronuncia su Affari tuoi, secondo la quale il fatto che il cosiddetto infame sia a conoscenza del contenuto dei pacchi non rappresenterebbe una irregolarità o una ipotesi di interferenza umana nella individuazione dei vincitori e nelle loro scelte, alla stregua di quanto avviene nel Mercante in fiera. L’errore del CdS è evidente poiché il banditore del Mercante in fiera non conosce assolutamente le carte vincenti e partecipa al gioco in condizione di parità con gli altri giocatori", stando alle parole di Carlo Rienzi.

Affari tuoi riparte, le polemiche anche…