0 Shares 7 Views
00:00:00
12 Dec

Amici 10 sabato 18 dicembre 2010: Marco Mengoni e Alessandra Amoroso stupiscono tutti

19 dicembre 2010
7 Views

Ultima puntata prima del Natale per Amici 10 che ieri ha ospitato Marco Mengoni e Alessandra Amoroso, gli unici due esempi di artisti emersi veramente dopo un talent show, e ha fatto il punto della situazione per quel che riguarda il serale.

Parte della puntata è stata dedicata proprio agli ospiti: prima Marco Mengoni che ha cantato live, poi il cast di Natale in Sudafrica e infine Alessandra Amoroso che riceve dalle mani della De Filippi econdo disco di platino per il cd uscito a settembre.

Poi via alla "gara" e l’annuncio che le puntate serali di Amici 10 inizieranno l’11 gennaio 2011 e saranno solo nove, due in meno rispetto agli anni passati e dunque necessità di ridurre anche il numero dei partecipanti che grazie alle stelline stanno cercando di scalare la classifica.

La prima sfida di ballo tra Giulia e Costantino ha visto vincere proprio il ragazzo che si è guadagnato 5 stelline mentre Antonio Mungari dopo aver presentato l’inedito Giorni bui è stato giudicato insufficiente e per lui non solo niente stelline ma anche la quasi certa uscita dal programma nonostante il primo posto nella classifica di gradimento del pubblico.

Debora di Giovanni ha dal canto suo guadagnato 6 stelline mentre nella sfida di canto Annalisa Scarrone ed Arnaldo Santoro ha vinto proprio Arnaldo che ha colpito con l’interpretazione di un brano di Imogen Heap guadagnando 10 stelline; sei stelline anche per Denny Lodi, cinque per Giorgia Urrico e l’inedito Dall’altra parte, 3 per Riccardo Riccio (con tanto di sgridata ai professionisti che hanno riso del ballerino) e 5 stelline per Andrea Vigentini che ha presentato il brano inedito La Fortuna.

Fuori dalla scuola, e salutata solo con un video, Gabriella Culletta che per via di alcuni problemi alle corde vocali, non si sa se provocati da stress o da altro, è stata esortata a lasciare per non bruciarsi e per non fare brutte figure.

Vi consigliamo anche