Amore criminale, su Rai 3 la violenza sulle donne

In Italia ogni tre giorni una donna muore per mano del proprio compagno e gli omicidi all’interno della coppia sono i primi, per numero, tra quelli consumati in famiglia.

Ma esiste una violenza che non arriva alle prime pagine dei giornali: è quella dell’umiliazione quotidiana, della dipendenza economica, della denigrazione che alcuni uomini operano nei confronti delle loro compagne.

Si tratta di un processo invisibile del quale la violenza fisica è solo l’ultimo atto e del quale i responsabili sono, in entrambi i casi, uomini possessivi, incapaci di gestire l’abbandono, la separazione e il rifiuto.

Queste sono le storie che Camila Raznovich racconterà nella terza serie di Amore criminale, in onda da stasera su Rai 3 alle 21.05.

Cinque nuove puntate, in onda in prima serata, nel corso delle quali saranno raccontate storie di donne che hanno perso la vita per mano dell’uomo che diceva di amarle più di ogni altra cosa al mondo; in Amore Criminale troveranno spazio anche storie di donne che la morte l’hanno vista in faccia ma che, per fortuna, sono sopravvissute e hanno deciso di raccontare la loro vicenda per far sì che non si ripeta ancora.

La prima puntata è dedicata alla storia di Jennifer Zacconi, una ragazza di 20 anni uccisa il 29 aprile 2006 a Maerne di Martellago (VE) da Lucio Niero, 40 anni, il padre del bambino che portava in grembo.