0 Shares 6 Views
00:00:00
11 Dec

Annozero: Michele Santoro propone ultimatum alla Rai

7 giugno 2010
6 Views

Conferenza stampa di fuoco quella di Annozero di questa mattina che ha visto contrapposti e antagonisti Michele Santoro e Mauro Masi, incalzati peraltro dalle domande dei tanti giornalisti presenti a Viale Mazzini.

"L’unica scelta è tra Annozero o l’accordo, tertium non datur. Non starò due anni chiuso in una stanza ad aspettare", ha dichiarato senza mezzi termini Michele Santoro aggiungendo che "ad aprile maggio della prossima stagione sono disponibile a restituire la libertà all’editore".

Tra fischi e applausi il giornalista ha rispedito al mittente le parole di Garimberti (che aveva detto che Santoro non avrebbe dovuto lasciare la Rai): "per me non sono sufficienti le parole di Garimberti. Deve dire chiaramente se, a titolo del Cda o a nome personale, Annozero deve andare in onda o no".

"Non sono io che devo decidere, è l’azienda che deve decidere" altrimenti, "se non ce la fate a reggere questo fatto, perché non ce la fate, è inutile che scaricate su di me la situazione. Dite che insieme abbiamo trovato un accordo, io lo firmo e me ne vado".

Santoro ha chiesto a Garimberti che "tutti gli stipendi della Rai vengano pubblicati in rete, anche quelli dei consulenti e di quelli che hanno più di 65 anni perchè in questo modo potremmo sapere anche quanto ha percepito quell’altro conduttore famoso" aggiungendo che i soldi che lui ha percepito dal 1988 a oggi dalla Rai "sono scarsamente proporzionali a quelli che ho portato dentro le casse di questa azienda".

Michele Santoro si è reso disponibile a spostare Annozero su Raitre sottolineando di poter eventualmente fare "un programma di tipo diverso da Ballarò"; in precedenza il direttore della terza rete, Antonio Di Bella, prendendo il microfono aveva "aperto le porte" per Santoro su Rai 3.

Vi consigliamo anche