0 Shares 16 Views
00:00:00
18 Dec

Canone Rai 2013, come fare per non pagare

dgmag - 14 gennaio 2013
14 gennaio 2013
16 Views

Si avvicina la scadenza per il pagamento della prima rata, o del totale, del canone Rai 2013 che rispetto al 2012 è aumentato di poco più di 1 euro e che come ogni anno sta provocando polemiche a non finire, anche per via dello spot che va in onda sulle reti Rai e invita a pagare quella che, ribadiamo, viene considerata a tutti gli effetti una "tassa sul possesso" esattamente come l'Imu è tassa sul possesso della casa.

C'è dunque un modo per non pagare il canone, oggi come oggi? No, non esiste questa possibilità perché la legge stabilisce che si tratta di una tassa sul possesso per cui se si decide di non pagare più il canone Rai per questo 2013 si annuncia pubblicamente di non avere in casa nessun apparecchio televisivo.

Sul libretto che la Rai invia agli utenti è infatti presente un modulo chiamato "denuncia di cessazione" che va compilato e rispedito all'apposito indirizzo mettendosi dunque in attesa del "suggellamento" del televisore da parte di un funzionario dell'Ufficio tecnico erariale e di fatto smettendo di pagare il canone.

Il suggellamento non avviene quasi mai perché a farlo dovrebbero essere appunto tecnici e funzionari che solitamente hanno altro da fare e così stando alle stime si calcola che sia in aumento il numero di chi non paga il canone e non è mai stato rivato dell'apparecchio, continuando dunque a vedere la televisione.

Chiaramente si tratta di un metodo rischioso se lo si applica solo per non pagare il canone e si spera, alla fine, di non essere oggetto di verifica perché la verifica potrebbe arrivare in qualunque momento e pensare di farla franca solo per via delle statistiche è se non altro abbastanza sciocco.

L'abbonamento si rinnova tacitamente quindi a meno che non si siano seguite queste istruzioni il canone va pagato per intero; sono esenti solo ed esclusivamente i militari delle Forze Armate Italiane, i militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato, gli agenti diplomatici e consolari e i rivenditori e riparatori TV più tutti coloro che hanno compiuto 75 anni o un eta’ superiore entro il 31/01/13.

Loading...

Vi consigliamo anche