Chi fermerà la musica, Pupo torna su Rai 1

Dopo la puntata-pilota andata in onda a dicembre, torna alle 21.30 su Raiuno Chi fermerà la musica, il quiz musicale presentato da Pupo.

Il format del programma prevede una sfida tra concorrenti basata sulla conoscenza dei testi delle canzoni italiane.

Pupo condurrà i partecipanti, in un avvincente meccanismo ad eliminazione, verso la finale che vedrà impegnati, in un testa a testa, due concorrenti.

Prima della finale, tre manche che coinvolgeranno 6 partecipanti: la sfida non è cantare bene ma avere soprattutto un’ottima memoria musicale. Il vincitore della puntata si aggiudicherà un montepremi di 50.000 euro.

Ad accompagnare la gara sarà la musica, rigorosamente dal vivo, dell’orchestra diretta da Demo Morselli che eseguirà famosi successi della canzone italiana. Il programma, in onda per 5 puntate, è una produzione di Raiuno in collaborazione con Endemol Italia ed è ispirato al format americano The singing bee, L’Ape canterina, in onda sulla Nbc.

La trasmissione, che sostituisce Uomo e gentiluomo di Milly Carlucci, rappresenta una nuova sfida per il cantante-conduttore chedovrà misurarsi contro I Cesaroni, la fortunata serie di Canale 5 che continua a mietere successi e vittime: "è un ritorno impegnativo e rischioso anche se in questo programma credo molto. Certo, sarebbe stato meglio avere una collocazione studiata con più calma: andiamo in onda con una preparazione di pochissimi giorni contro la corazzata Cesaroni che, malgrado la fede romanista di Claudio Amendola, mi ricorda più l’Inter: non perde mai", dice Pupo.

Che continua: "mi rendo conto che ci sono dei rischi ma d’altra parte in questi momenti viene fuori l’appassionato del gioco d’azzardo. Ormai Del Noce mi conosce troppo bene, sa come farmi le avances e io non so resistere. Anche se ho dovuto spostare una serie di impegni teatrali e dei concerti"

Per concludere: "non è una gara contro i Cesaroni ma contro noi stessi: se il programma viene bene come la puntata pilota andata in onda a dicembre potremo far guadagnare a Raiuno qualche spettatore rispetto alle settimane precedenti".