0 Shares 20 Views
00:00:00
18 Dec

Concerti di Capodanno 2010 sulla Rai

dgmag - 30 dicembre 2009
30 dicembre 2009
20 Views

A dare il benvenuto al Nuovo Anno, in diretta dal Teatro La Fenice di Venezia, sarà Raiuno, alle 12.20 dell’1 gennaio 2010 con il Concerto di Capodanno.

Diretto da sir John Eliot Gardiner, con l’Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice, il soprano Anna Caterina Antonacci e il tenore Francesco Meli. Partecipa l’étoile della danza Giuseppe Picone con le coreografie e la Compagnia di Mvula Sungani.

Il programma si apre con la ouverture rossiniana dall’opera Il signor Bruschino, prosegue con alcune delle arie più celebri del melodramma ottocentesco e contiene anche una sorpresa: l’omaggio a Venezia attraverso una notissima melodia popolare sulla quale è costruito l’intermezzo de I quattro rusteghi di Ermanno Wolf-Ferrari da Goldoni.

Sempre il 1° gennaio, in differita su Raidue, dalle 14 circa, Palco e retropalco offre al pubblico italiano il Concerto di Capodanno da Vienna.

Tanta Italia in questa edizione del concerto 2010: le coreografie sono del ballerino e coreografo veronese Renato Zanella, classe 1961, che vanta una vasta esperienza internazionale ed è stato, negli ultimi anni, anche direttore del balletto dell’Opera di Stato di Vienna.

Si esibirà, inoltre, Eleonora Abbagnato, prima ballerina all’Opera’ Garnier di Parigi, talento precoce, scoperta a 14 anni dal grande Roland Petit, che danzerà insieme al ballerino francese Nicholas Le Riche.

A coronare la presenza davvero notevole dell’Italia, ci sarà il grande stilista Valentino che, per la prima volta, mette il suo talento al servizio del Concerto di Capodanno, come ideatore dei costumi. Anche il suntuoso addobbo floreale arriverà, come sempre, dalla riviera di Sanremo. Come da tradizione, il concerto viene trasmesso, in mondovisione, dalla Sala Dorata del Musikverein (circolo della Musica).

A dirigere la prestigiosa compagine viennese dei Wiener Philarmoniker, salirà sul podio per la seconda volta – la prima fu nel 2008 – George Prêtre, uno dei direttori d’orchestra preferiti da Maria Callas.

Oltre ai tradizionali e celebri valzer e polke di Johann e Joseph Strauss, quest’anno verranno eseguite anche l’ouverture da Le allegre comari di Windsor di Otto Nicolai, l’ouverture da Les fées Rhin di Jacques Offenbach e il Galop Champagne di Hans Christian Lumbye. Il concerto, come di consueto, si chiuderà con l’esecuzione della rumorosa e allegra Marcia di Radetzky.

Loading...

Vi consigliamo anche