0 Shares 12 Views
00:00:00
13 Dec

Crozza da La7 alla Rai: 480mila euro a puntata

LaRedazione
14 ottobre 2013
12 Views

Finora il comico genovese Maurizio Crozza, nonostante le sue apparizioni nel contenitore politico e di attualità di Rai Tre ‘Ballarò‘ siano particolarmente apprezzate, è stato uno dei volti di punta di La7. Ma la rete ora di proprietà dell’editore e patron del Torino Calcio Urbano Cairo, potrebbe perdere, pur senza troppi rimpianti, una delle sue punte di diamante.

Sembrerebbe ormai infatti in dirittura d’arrivo l’accordo che porterebbe Crozza in Rai dalla prossima primavera fino al 2016. Accordo particolarmente dispendioso per la televisione di Stato, che avrebbe offerto al comico un cachet da quatrocentottantamila euro a puntata, per un ingaggio complessivo da venticinque milioni di euro per i costi di produzione, e da cinque milioni di euro per Crozza.

Cifre riguardo alle quali Cairo ha già detto di non voler competere, giudicandole eccessive per il budget di La7. Il progetto in sé è particolarmente importante, e porterebbe Crozza ad essere uno dei volti di punta dell”intrattenimento Rai nei prossimi tre anni. Lo showman ligure in questo periodo di tempo, considerando le varie pause, dovrebbe andare in scena per una cinquantina di puntate, divise di fatto in due stagioni e mezzo.

Va sottolineato infatti come fino a dicembre Crozza sia ancora sotto contratto con La7, e fino alla fine dell’anno concluderà il suo show satirico sulla televisione di Urbaino Cairo con un nuovo ciclo di otto puntate. Poi, se non subentreranno complicazioni dell’ultim’ora, il passaggio in Rai sarà ufficialmente sancito, con lo show di Crozza che potrà ufficialmente prendere il via nella prossima primavera.

Una decisione importante da parte della Rai, che come spesso avviene quando si tratta di chiudere contratti di una certa rilevanza economica, ha però già scatenato diverse polemiche, riguardanti soprattutto il costo che il contratto e la produzione dello spettacolo avrà sulle casse della televisione di Stato.

Il quotidiano ‘Il Giornale’ ha già azzardato un calcolo complessivo del peso delle spese, arrivando a calcolare, sulla base dei venticinque milioni di euro complessivi di costo dello show per tutta la durata del contratto, che ogni minuto in onda di Crozza costerà alla Rai seimilaottocentosettantacinque euro. Una cifra non indifferente, anche se i vertici della televisione pubblica contano di rifarsi con le ingenti entrate pubblicitarie che lo show (destinato alla prima serata del venerdì nella programmazione) riuscirebbe a garantire.

Insomma, per un fuoriclasse della televisione nazionale non si baderà a spese, e vedremo se l’operazione sarà un azzardo, oppure se la Rai potrà festeggiare il ritorno a tempo pieno di uno dei comici italiani più apprezzati in assoluto.

Vi consigliamo anche