0 Shares 7 Views
00:00:00
11 Dec

Elezioni regionali 2010, niente par condicio anche per le tv private

La Redazione
12 marzo 2010
7 Views

Nuovo scossone televisivo in vista delle prossime elezioni regionali: il Tar del Lazio ha infatti accolto la richiesta di Sky e Telecom Italia Media che chiedeva la sospensione del regolamento varato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni che disciplina la par condicio in vista delle Regionali.

Era stato il Cda della Rai a decidere la sospensione dei talk show in applicazione delle regole della Vigilanza ma Sky e Telecom italia avevano presentato ricorso al Tar contro la delibera che limitava l’informazione politica durante la campagna elettorale.

In questo modo il Tar accoglie la richiesta delle tv private e, di fatto, costringe la Rai a rivedere la disciplina in materia per evitare un’evidente disparità che si tradurrebbe in perdite per l’azienda di Stato.

Il Tar ha dunque bocciato l’articolo 6 comma 2 del regolamento Agcom per le Regionali 2010 per quel che riguarda le emittenti private: "nel periodo di vigenza della presente delibera, tenuto conto del servizio di interesse generale dell’attività di informazione radiotelevisiva, i notiziari diffusi dalle emittenti televisive e radiofoniche nazionali e tutti gli altri programmi a contenuto informativo, riconducibili alla responsabilità di specifiche testate giornalistiche registrate ai sensi di legge, si conformano con particolare rigore ai principi di tutela del pluralismo, dell’imparzialità, dell’indipendenza, dell’obiettività e dell’apertura alle diverse forze politiche, nonchè al fine di garantire l’osservanza dei predetti principi, allo specifico criterio della parità di trattamento tra i soggetti e le diverse forze politiche individuate ai sensi dell’art. 2, comma 1, del presente regolamento".

Vi consigliamo anche