0 Shares 6 Views
00:00:00
16 Dec

Enrico Mentana direttore del Tg La 7, giallo sul futuro di Antonello Piroso

dgmag - 23 giugno 2010
23 giugno 2010
6 Views

Alla fine ha firmato e ha annunciato pubblicamente di essere diventato il nuovo direttore del Tg La 7 Enrico Mentana che già nell’editoriale pubblicato da Vanity Fair in edicola questa settimana aveva comunque anticipato qualcosa circa il suo futuro.

"Nei primi giorni di luglio sarò in redazione", ha spiegato Mentana che ha aggiunto: "se il contratto con La7 non è ancora stato firmato non è per questioni economiche ma esclusivamente burocratiche: ai primi di luglio sarò al mio posto nella stanza di direttore".

Durante la conferenza stampa Mentana ha voluto rivelare anche il suo compenso: "se entro in servizio il primo luglio, costerò alla rete 160.000 euro nel 2010".

"Corono una tentazione di dieci anni fa", ha detto Mentana, "quando, come carbonari, ci incontrammo con Gad Lerner e Fabio Fazio per il sogno del terzo polo. Le cose sono andate diversamente, forse è giusto così, i tempi non erano maturi. Ora ho raccolto la sfida perché la cosa più bella che puoi fare nella vita è fare quello che ti piace".

La notizia del passaggio di Enrico a La7 era stata anticipata dal sito Dagospia di Roberto D’Agostino ed era stata confermata dallo stesso Enrico Mentana su Vanity Fair di questa settimana dove il giornalista aveva scritto di aver scelto La7 "con entusiasmo, perché è una realtà nuova, perché è un momento propizio come non mai alla crescita di un terzo polo dell’informazione, perché mi affascina e mi dà la carica l’idea di tornare a lanciare un telegiornale, perché i dirigenti di quell’emittente furono i primi (gli unici) a farsi avanti subito dopo il mio divorzio da Mediaset, perché ingiustamente quel notiziario è stato considerato in questi anni come la cenerentola dei telegiornali e perché lì stavo per andare all’inizio degli anni Duemila, accarezzando già allora il sogno di poter ricominciare da capo, con un Tg che sfidasse le due corazzate dell’informazione televisiva. E quella tentazione non l’ho mai accantonata".

Tra le questioni ancora in sospeso, ha spiegato il vicepresidente Telecom Italia Media, Giovanni Stella, c’é il ruolo di Antonello Piroso nella rete.

Loading...

Vi consigliamo anche