0 Shares 12 Views
00:00:00
18 Dec

Festival di Sanremo, la terza serata è un omaggio alla musica

dgmag - 20 febbraio 2009
20 febbraio 2009
12 Views

Giovanni Allevi ha aperto la terza serata della 59.ma edizione del Festival di Sanremo anticipato da una scena del film La leggenda del pianista sull’oceano di Giuseppe Tornatore.

"Sarà un’ulteriore serata ricchissima. Sarà un happening festoso", ha dichiarato Paolo Bonolis che ha voluto anche ricordare Oreste Lionello: "musicalmente parlando si può definire un Ginger Beker alla batteria, aveva dei controtempi formidabili. Vorremmo che questo viaggio che ha iniziato fosse bello come quello che ci ha regalato in tutto questo tempo".

Presentati solo i giovani delle Nuove Proposte accompagnati dai loro padrini, in un omaggio alla musica che ha fatto ballare e sobbalzare, a tratti, l’Ariston intero.

Ad aprire la gara è stato Filippo Perbellini accompagnato da Riccardo Cocciante che ha eseguito al pianoforte Quando finisce un amore prima che sul palco salisse la bellissima e spigliatissima Gabriella Pession, finora la migliore tra le "vallette".

Pino Daniele, in veste di chitarrista, ha invece accompagnato Silvia Aprile per poi cimentarsi in Quando e in Napul’è intonato da Paolo Bonolis.

Luca Laurenti è entrato all’Ariston cantando My Way di Frank Sinatra e ricevendo un lungo applauso da parte del pubblico.

Karima Ammar viene accompagnata da Burt Bacharach e Mario Biondi regalando un momento di splendida musica con Bacarach che ha poi eseguito al pianoforte alcuni dei suoi successi; ad accompagnare Irene è stato invece papà Zucchero Fornaciari, sul palco insieme a Maurizio Vandelli, Dodi Battaglia e Fio Zanotti. Zucchero si è esibito, insieme ai suoi colleghi, in un medley che è andato da Pensiero a Ho in mente te passando per Baila Morena; "questo è quello che succedeva negli anni Settanta quando si creavano i super gruppi e la musica diventava energia. Non sembrava il Teatro Ariston", ha dichiarato Bonolis.

Chiara Canzian
, figlia di Red dei Pooh, è salita sul palco accompagnata dal professor Roberto Veccgioni che ha poi proposto Sogna ragazzo sogna dedicandola ai giovani che ha definito "eredità di speranza"; Lucio Dalla, accompagnatore di Iskra, ha invece fatto cantare tutto l’Ariston con Piazza Grande prima di lasciare spazio all’attore Kevin Spacey che ha cantato Another World.

L’attore ha ricordato la sua amicizia con Jack Lemmon e ha detto di preferire i ruoli da cattivo "perché la gente li ricorda di più"; anche Bonolis si è cimentato nel canto sulle note di Imagine dedicandola all’attore americano, grande ammiratore di John Lennon.

"Senza dubbio lo spirito di Lennon è ancora qui. Era un ribelle, un padre, un marito, un crociato. Io penso che qualcosa è successo negli Stati Uniti, l’elezione di Barack Obama è una delle cose più belle che sia mai accaduta. Obama è una scelta di speranza, è il mio presidente", ha chiuso Spacey.

Bonolis ha annunciato che è Ania la vincitrice della prima competizione online della 59.ma edizione del Festival di Sanremo; la cantante si esibirà nella serata finale di sabato con il brano Buongiorno Gente.

Nell’ordine sono poi saliti sul palco dell’Ariston Simona Molinari con Ornella Vanoni che ha voluto ricordare lo scomparso Mino Reitano, Barbara Gilbo con Massimo Ranieri che ha ricordato Oreste Lionello prima di cantare Perdere l’amore e Malika con Gino Paoli che ha proposto un medley dei suoi più importanti successi.

Al Bano con L’amore è sempre amore e Sal Da Vinci con Non riesco a farti innamorare sono gli Artisti che tornano in gara grazie al televoto; fuori gli Afterhours con Il paese è reale, Nicky Nicolai e Stefano Di Battista con Più sole, Iva Zanicchi con Ti voglio senza amore e Tricarico con Il bosco delle fragole.

E stasera, tanto per dare pepe ad un Festival rinnovato nella formula e nella conduzione (ma non nelle scelte musicali!), arrivano le conigliette di Playboy con il patron Hugh Hefner…

Loading...

Vi consigliamo anche