0 Shares 10 Views
00:00:00
13 Dec

Film vietati in tv, il decreto Romani fissa le regole

La Redazione
22 gennaio 2010
10 Views

E’ guerra serrata per fare in modo che il prossimo 27 gennaio non entri in vigore il cosidetto Decreto Romani che mette un paletto forte e significativo a determinati contenuti televisivi.

Paletto che in realtà sembra solo un modo per affossare determinate realtà facendone emergere delle altre dal momento che l’articolo 9 del decreto vieta in maniera specifica determinate tipologie di film, considerate per adulti, in un lasso di tempo compreso tra le 7 di mattina e le 23; penalizzando, di fatto, Sky, le tv indipendenti e i produttori.

L’articolo 9 del decreto Romani, cito testualmente, vieta "la trasmissione, anche a pagamento, dei film ai quali sia stato negato il nulla osta per la proiezione o la rappresentazione in pubblico o che siano stati vietati ai minori di anni diciotto nonché dei programmi classificali a visione per soli adulti" dalle 7 alle 23 "su tutte le piattaforme di trasmissione".

E se i film sono stati considerati inappropriati per i minori di 14 anni, il decreto sostiene che "non possono essere trasmessi, sia in chiaro che a pagamento, né forniti a richiesta, sia integralmente che parzialmente, prima delle ore 22.30 e dopo le ore 7.00".

A ciò si aggiunga la presenza, sempre nello stesso decreto, di una norma che impone il taglio della pubblicità per le pay tv che passano dal 18% al 12% e la voglia di accorpare la tv online alla tv classica.

Che altro dobbiamo aspettarci?

Vi consigliamo anche