0 Shares 15 Views
00:00:00
16 Dec

Flics, da stasera su FoxCrime

dgmag - 13 luglio 2009
13 luglio 2009
15 Views

36 Quai des Orfèvres: è l’indirizzo nel cuore di Parigi dove hanno sede alcuni fra i più importanti dipartimenti della polizia francese. Ed è qui che lavorano due poliziotti, entrambi eccezionali nel loro lavoro, ma agli antipodi per  carattere e modo di lavorare.

Sono i protagonisti di FLICS, la serie in quattro episodi in onda in prima visione assoluta su FoxCrime ogni lunedì alle 21:55 a partire da stasera.

Il primo è Victor Yachvili (Frédéric Diefenthal), detto Yach. Divorziato con una figlia, istintivo e dalla vita così sregolata che spesso lo rende simile ai criminali a cui dà la caccia, Yach usa metodi che sfiorano il limite della legalità a causa dei quali finisce spesso nei guai. Il secondo è Boris Constantine (Yann Sundberg), un uomo preciso e ordinato, ligio alle regole e abilissimo nelle indagini. Sua moglie è morta in un incidente proprio durante la loro separazione e per questo Constantine è ancora legato a lei da nostalgia e senso di colpa.

Esempi opposti di come si può essere agenti, i due uomini sono a capo di due dipartimenti di polizia in conflitto da tempo, in seguito a un misterioso episodio che li ha divisi in modo irreparabile e ha rovinato la loro amicizia. Ora però, devono unire le forze in una causa comune: scoprire chi ha tentato di uccidere il loro capo Léa Legrand (Catherine Marchal) e qual è l’organizzazione criminale che ne ha ordinato l’omicidio.

In una guerra sanguinosa e violenta fra la polizia e la malavita che lascia sul campo diverse vittime fra cui una giovane poliziotta, si scopre che in tutto questo è implicato anche Serge Oriou (Marc Barbé), un malvivente legato ai due poliziotti da una vicenda del passato della quale affioreranno solo in seguito i particolari.

La rivalità che divide Yach e Constantine sembra insormontabile, ma loro sanno che se vogliono che giustizia sia fatta, saranno costretti ad affrontare l’origine del loro odio.

Loading...

Vi consigliamo anche