GF8: Lina radiata dall’Albo? Altra invenzione

In attesa della prossima puntata settimanale, nel corso della quale uno tra Gian Filippo e Silvia lascerà la Casa, e mentre il falso cumenda Roberto si impegna per trovare collocazione nel mondo dello spettacolo pur a costo di rimetterci (ancor di più) la faccia, arriva la poco aspettata reazione dell’Ordine dei Medici di Napoli per quanto riguarda la situazione che riguarda Lina Carcuro.

Come ampiamente ricordato la dottoressa Lina, ripresa in atteggiamenti "compromettenti" proprio con Roberto Mercandalli, era stata aspramente criticata dall’Ordine dei Medici di Napoli ed erano uscite tutta una serie di voci secondo le quali lo stesso Ordine stava pensando a forti sanzioni nei confronti della dottoressa, che sarebbero potute sfociare in una radiazione vera e propria.

Ma, sarà stato il pianto isterico con relativa sceneggiata di Lina, sarà stata la troppa attenzione suscitata dal caso o, come più probabile, sarà stato tutto un falso studiato a tavolino, ma comunque l’Ordine dei Medici ha voluto precisare, in una nota firmata dal presidente Giuseppe Scalera, "di non avere mai accennato, in nessuna occasione, ad una qualsiasi ipotesi di radiazione o qualsivoglia sanzione disciplinare in merito al caso di Lina Carcuro".

"L’Ordine di medici di Napoli conferma come la vicenda si presenti come assolutamente secondaria sul piano degli impegni legati ad una realtà ordinistica", dice Scalera, "che, pur rispettando tutti, non ha l’obbligo di seguire i reality e i programmi di intrattenimento ad esso collegati. Il nostro impegno si muove, infatti, soprattutto in chiave scientifica attraverso convegni, manifestazioni e momenti formativi".

"Si precisa, tra l’altro, di non avere mai accennato, in nessuna occasione, ad una qualsiasi ipotesi di radiazione o qualsivoglia sanzione disciplinare legata al caso Carcuro", aggiunge. "Ogni iniziativa rappresenta, per legge, un atto dovuto a seguito delle numerose segnalazioni e denunce pervenute all’Ordine. In questo senso, l’Ordine invita tutti ad una reale serenità di valutazione e di giudizio anticipando che, ove venissero, in qualsiasi modo, lese la dignità ed il prestigio di questo Ordine professionale, ci si riserva di assumere le conseguenti iniziative di tutela nelle competenti sedi legali. Sulla vicenda, infine, l’Ordine non intende rilasciare, in futuro, altre dichiarazioni".

Ma come, ci avevano fatto credere che stesse succedendo una tragedia, che un reality show potesse condizionare la vita di una giovane donna che si sta affacciando nel mondo della medicina, ci avevano raccontato di una Lina vittima, di un mondo crudele e irrispettoso…

Ci sembra però tutto più chiaro: in calo di ascolti e popolarità il Grande Fratello 8 ha avuto bisogno di sale e pepe per tirare avanti e lo ha fatto nella maniera più becera, ma redditizia, possibile, ovvero creando il caso.

Anzi tre casi di successo: prima Silvia, l’uomo diventato donna che si offre in pasto alle telecamere come un animale da circo, poi Roberto, il finto cumenda che sta spopolando nelle trasmissioni Mediaset facendo alzare vertiginosamente lo share e infine Lina, la povera dottoressa martoriata per aver usato in maniera poco consona le proprie mani e i propri sentimenti davanti alla telecamera.

Che aggiungere? Se per fare ascolti si deve ricorrere a questi stratagemmi, la produzione del Grande Fratello 8 è stata davvero furba: poca sostanza, tanto fumo ma tanti, tanti ascolti… e nella tv commerciale, si sa, è questo che conta!