Il mammo Iacchetti torna su Canale 5

Da sabato 22 settembre 2007 su Canale 5 torna con la terza serie e 20 nuovissimi episodi Il Mammo, la sitcom interpretata da Enzo Iacchetti e Natalia Estrada e che da quest’anno vede l’entrata nel cast di Elisa Triani.

Sono molte le novità nella vita del nostro Mammo, alias Silvano Zerbi (Enzo Iacchetti).

In questa nuova serie, la figlia maggiore Raffa (Federica Citarella), si trasferirà per motivi di studio in Spagna, così Silvano, per mettere un pò d’ordine nell’anarchia di casa, assumerà una tata tutto fare; la nuova baby sitter si chiama Ulla (Simona Samarelli), è una ragazza molto espansiva e loquace nonostante parli un italiano piuttosto originale e spesso incomprensibile. Tra equivoci e pasticci, la sua entrata in casa Zerbi porterà una sconfinata allegria.

Dolci novità sconvolgeranno anche la vita di Patty (Natalia Estrada) che, tra un impegno a teatro e un set cinematografico, diventerà mamma; alle prese con l’inaspettata gravidanza prima e la gestione della piccola Pepita poi, Patty sarà spesso e volentieri presente in casa Zerbi con carrozzina e biberon.

La famiglia di Silvano sembra inoltre attirare dive e aspiranti dive dello spettacolo; una bella e avvenente inquilina verrà ad abitare nell’appartamento attiguo al suo e non si può dire si tratti di una vicina silenziosa e discreta. Elisa, interpretata da Elisa Triani, aspirante show girl, scambierà casa Zerbi per un palco dove esibirsi in veste di cantante, ballerina e attrice, con esiti spesso disastrosi ma estremamente divertenti.

Ospite abituale di casa Zerbi sarà come sempre il mitico Pierpa, socio in affari e amico storico di Silvano, famoso per vanità e tirchieria e capace di coinvolgere Silvano in mille attività dagli esiti rovinosi, tra le quali convincere il socio a fidanzarsi con Giada, l’impresentabile figlia del loro editore.

Mammo di giorno e fumettista di notte, la gestione famigliare di Silvano offre lo spunto per creare una serie di situazioni buffe e improbabili, una commedia degli errori che, tra mille peripezie, si conclude sempre con uno spassoso happy end.