0 Shares 19 Views 2 Comments
00:00:00
16 Dec

Il monologo di Roberto Saviano da Fazio vince la serata

La Redazione - 26 marzo 2009
La Redazione
26 marzo 2009
19 Views 2

Successo su RaiTre per la serata speciale di Che tempo che fa dedicata a Roberto Saviano che è stato visto da 4.561.000 spettatori con uno share del 19%, il più alto della serata.

E’ un vero e proprio monologo quello di Roberto Saviano da Fabio Fazio nel corso dello speciale a lui dedicato ieri sera.

Un monologo che ha passato in rassegna tutte le questioni che gli stanno a cuore e soprattutto l’importanza dell’informazione nel modo in cui si parla di camorra e di morti.

Un monologo duro, spiazzante
, che ha messo in seria difficoltà Fabio Fazio quando è stato costretto a lanciare la pubblicità e a spezzare così delle parole forti, pronunciate a ruota libera da un’oratore che si è fatto apprezzare per la sua chiarezza e la sua fermezza.

Un monologo iniziato con la rassegna stampa relativa alla stampa locale per arrivare a sostenere che "il silenzio è colpevole anche perché non lascia capire" quando Saviano mostra le foto di ragazzini uccisi per errore dalla camorra e di ragazzini che con la camorra convivono ogni giorno perchè vivono in una zona di guerra.

Saviano si definisce "un’operazione mediatica" ma "questa battaglia non è la mia battaglia ma la battaglia di molti e va anche bene se per una volta succede il miracolo che grandi interessi economici si fondano con l’interesse del paese, che grandi editori di libri, televisivi, si uniscano per combattere la camorra".

"Cercano di colpire me perchè con altri non riescono", continua lo scrittore partenopeo che non fa mistero della sua difficile condizione sociale: "non immaginavo che sarebbe andata così. Pensavo che sarebbe durata poco, sono tre anni ed è pesantissimo".

Ringrazia "tutte le persone che mi scrivono, nel ringraziare tutti per quello che è stato fatto per me" e cita le parole di Kennedy quando diceva "perdonare sempre dimenticare mai".

Noi ringraziamo lui e ci uniamo all’appello di Fabio Fazio: non lasciamo che Roberto Saviano cada nel dimenticatoio perchè solo l’esposizione mediatica può salvarlo da chi vuole farlo fuori, con la calunnia o fisicamente.

"La mia ambizione? Pensare che le parole possano cambiare le cose": così disse Saviano, che smacherò i vizi di un’Italia poco abituata a pensare e ad essere critica.

Loading...

Vi consigliamo anche