0 Shares 15 Views
00:00:00
14 Dec

Isola 7, video litigio Aldo Busi e Roberto Fiacchini

14 marzo 2010
15 Views

Aldo Busi è un fiume in piena e non passa giorno senza che ne combini una delle sue all’Isola dei Famosi.

L’ultima sceneggiata lo ha visto protagonista di un litigio con Roberto Fiacchini, figlio adottivo di Renato Zero e sbarcato in Nicaragua mercoledì scorso ed ha chiamato in causa i diritti dei gay.

Fiacchini è infatti sbarcato sull’Isola con la maglietta raffigurante il volto del padre e questo ha mandato su tutte le furie Aldo Busi che gli dice: "se vogliamo essere amici tu devi toglierti quella maglietta perchè tuo padre ha fatto diecimila passi indietro rispetto ai diritti degli omosessuali".

Immediata e pacata la replica di Fiacchini: "lui ha assolutamente lottato per i diritti, non ha fatto nessun passo indietro. Non è un passo avanti esternare la propria omosessualità, i gay e gli etero dovrebbero stare insieme".

Busi continua: "lui ha illuso migliaia di persone e poi ha rinnegato tutto. Sei venuto qua a fargli pubblicità e allora io dovrei mettere sulla maglietta le copertine dei miei libri?".

Fiacchini: "avessi scritto tu quello che ha scritto lui“.

Ad un certo punto Federico prende le difese del nuovo arrivato: “è sempre il padre e devi avere rispetto perchè è il papà” ma Busi se la prende con Mastrostefano e tra i due è nuovamente lite.

Per Aldo la maglietta è un affronto, un insulto e lui non ci sta: “o me o quella maglietta”.

Il giorno seguente arriva il comunicato ufficiale della produzione per cercare di rimettere le cose a posto: la maglietta è stata fornita dalla produzione stessa solo per motivi di gioco, per distinguere i Figli di Papà, e non per altro.

Per Aldo è tutto chiaro ma non chiarito e a Fiacchini dice: "allora tu d’ora in poi non indosserai più quella maglietta".

Fiacchini replica: “lei è isterico. Togliere la magliettà non cambierà la mia identità e neanche la sua”.

Insomma, Busi fa discutere ed ogni minima questione diventa un problema gigante…

Vi consigliamo anche