La terza stagione di Senza Traccia su Steel

Ogni 30 secondi in America il normale corso degli eventi si interrompe, qualcuno scompare: questo è Senza Traccia, la pluripremiata serie TV scritta da Hank Steinberg e prodotta da Jerry Bruckheimer che arriva su Steel con la terza stagione.

In onda dal 3 agosto i 23 episodi ogni domenica alle 21 con un doppio appuntamento.

Anthony LaPaglia è Jack Malone, agente federale divorziato e con due figlie a capo di una squadra dell’FBI specializzata in persone scomparse, composta da Samantha Spade (Poppy Montgomery), ex amante di Jack, Vivian Johnson (Marianne Jean-Baptiste), Danny Taylor (Enrique Murciano), che ha cambiato il cognome per cancellare la sua famiglia e Martin Fitzgerald (Eric Close), figlio di un alto dirigente dell’FBI.

Insieme lavorano per ritrovare persone inspiegabilmente scomparse, applicando nelle indagini avanzate tecniche di ricostruzione della linea temporale del “giorno della scomparsa”. Tutto seguendo una semplice regola: scoprire chi è la vittima per scoprire dov’è la vittima.

Nel corso della terza stagione oltre allo sviluppo dei casi analizzati nei singoli episodi, continua la particolare attenzione nei confronti delle vicende personali dei membri della squadra capitanata da Jack Malone: una causa di divorzio per Malone, una relazione sentimentale nata tra colleghi, un incontro ravvicinato che porta alla morte di uno degli agenti.

Giunta negli Stati Uniti alla sua sesta stagione, la serie ha ottenuto molti riconoscimenti da parte del pubblico e della critica e ha conquistato diversi premi, tra i quali due Emmy Awards e un Golden Globe nel 2004 ad Anthony LaPaglia come miglior attore in una serie TV di genere drammatico; numerose guest stars hanno partecipato agli episodi che spaziano dalla religione alla politica, toccando temi scottanti quali l’emancipazione, il razzismo, la tossicodipendenza, la prostituzione e mescolando spesso fiction e realtà.