0 Shares 9 Views 1 Comments
00:00:00
16 Dec

Mauro Marin: ecco perchè ho vinto

dgmag - 10 marzo 2010
10 marzo 2010
9 Views 1

Ha vinto senza sorpresa ma di sorprese, nella Casa, ne ha riservate parecchie e ieri Mauro Marin ha svelato a chi ancora non lo aveva capito che il suo è stato tutto un bluff, studiato ad arte per arrivare alla vittoria.

"Sono entrato con un due di picche e sono uscito con un poker d’assi", ha spiegato il salumiere veneto che pare aver vinto con l’80% delle preferenze al televoto, "perché sono andato controcorrente. Ho dovuto sfidare un gruppo già formato, sono entrato nel reality una settimana dopo e mi sono divertito a distruggerlo, a fare da elemento di disturbo. E il mio gioco si è ritorto contro tutti quando hanno iniziato ad attaccarmi".

Gli ossi duri sono stati, per Mauro, "Massimo che si era già eletto il re della Casa, e doveva proteggere le sue donne. E poi George, che si autodefiniva principe, e mi sono divertito a provocarli".

Altra avversaria temibile Sarah che "stava diventando sempre più forte col suo carattere tosto e determinato. Il punto di svolta del programma, infatti, secondo me è stato quando ho salvato Alessia e ho mandato in nomination lei e Veronica".

Poi ha svelato la sua strategia, che in realtà è apparsa chiara a chi era fuori ma non a chi, dentro la Casa, ha contribuito al suo successo: "ho cercato di inventarmi sempre qualcosa, di creare una serie di gag perché penso che il pubblico avesse bisogno anche di ridere, di divertirsi. In alcuni casi mi sono ispirato ad Alvaro Vitali nelle sue gag di mela, banana, caffè".

Con i 250.000 euro vinti "ci pago il mutuo per il salumificio di famiglia", ha dichiarato, senza precludersi un futuro nel mondo dello spettacolo se qualcuno gli offrirà qualcosa.

Insomma, Mauro Marin è stato il concorrente ideale del Grande Fratello: ha giocato, ha divertito, si è divertito, ha preso in giro tutti e alla fine ce l’ha fatta. Alla faccia di chi ha scambiato il GF come un’esperienza seria e totalizzante.

Loading...

Vi consigliamo anche