0 Shares 12 Views 1 Comments
00:00:00
14 Dec

Miss Italia 2009, prima puntata piena di errori ed estenuante

13 settembre 2009
12 Views 1

Non stiamo qui ad estenuarvi con la cronaca della prima puntata di Miss Italia 2009, per la quale vi invitiamo a dare un’occhiata qui se volete farvi del male, ma a commentare ciò che è accaduto ieri sera e che ha, davvero, dell’incredibile.

Innanzitutto la prima puntata di Miss Italia 2009, presentata come la versione rinnovata e più attuale del concorso più longevo in Italia, è stata un’accozzaglia di errori con tanto di fischi e clamorose gaffe e figuracce; ma anche un infinito talent show volto a premiare chi fa finta di avere talento pur in realtà non avendolo e uno spettacolo che si è protratto in maniera talmente incredibile da far sorridere.

Ora prevista per la fine 00.30, ora effettiva di conclusione della serata: 2 di notte.

Ed è stato proprio intorno alle 2 di notte che Milly Carlucci  ha nominato Miss Moda 2009, Mirella Sessa, e le ha consegnato la fascia con tanto di lacrimuccia da parte della vincitrice; la quale, poverina, è stata privata circa 3 minuti dopo del suo trofeo, assegnato alla ragazza che era arrivata quarta, Federica Sperlinga.

E che dire degli errori continui di Milly Carlucci che arriva in elicottero, sbaglia nomi, tenta di scusarsi per lo sforo sapendo di andare incontro a critiche e controcritiche, si lascia spesso sopraffare dalla giuria e da Patrizia Mirigliani e offre spazio ad una Paris Hilton pagata fior di milioni per sorridere e raccontare all’Italia intera che la mamma è siciliana e che lei è appena stata a Venezia per il Festival…

Una serata che ci sentiamo di definire davvero storica: per i tempi, per la conduzione, per il contorno.

Un altarino di inutilità che si continua a mandare in onda senza il minimo scrupolo e senza pensare che l’Italia, forse, ne ha abbastanza e neanche la formula del fasullo talent show con una stucchevole conduttrice può risollevare…

Guardare per credere: all’1 di notte c’era anche chi, in sala, dormiva!  Standing ovation…

Loading...

Vi consigliamo anche