South Park, è ancora scandalo

Semina zizzania e continua a fare scandalo l’irriverente cartone animato South Park che, in un’ultima trovata, ha fatto suicidare nientemeno che la Regina d’Inghilterra.

Nell’ultimo episodio, infatti, parodiando la serie americana 24, si racconta del complotto della Regina d’Inghilterra per conquistare gli Stati Uniti uccidendo per prima la candidata alla presidenza Hillary Clinton; ma nel momento in cui il piano fallisce, la Regina si infila una pistola in bocca e si spara.

Immediate le critiche della stampa inglese che hanno etichettato come di “pessimo gusto” il cartoon mentre gli autori di South Park, Trey Parker e Matt Stone, si sono limitati a ribadire: “con noi nessuno è al sicuro, non ci fermeremo nemmeno davanti ai limiti del buongusto”.

E infatti non è certo quello con la Regina Elisabetta l’unico episodio che ha fatto parlare: poco dopo la sua morte, era apparso in South Park Steve Irwin (Crocodile Hunter), e prima di lui Saddam Hussein.

Non solo, perchè solo qualche settimana fa in South Park è stato utilizzato l’appellativo razzista “nigger” che ha fatto infuriare i conservatori e i perbenisti, facendo in modo che il video dell’episodio incriminato raggiungesse dei picchi d’ascolto incredibili.

Insomma, lo scandalo fa ascolti e la satira di South Park piace e vende: non è questo forse lo scopo della tv commerciale?