0 Shares 9 Views
00:00:00
11 Dec

Una sera d’ottobre su Rai 1: favola moderna in due puntate

18 ottobre 2009
9 Views

Una sera d’ottobre è una favola moderna, un sogno, una storia d’amore e tormenti. Una miniserie in due puntate, in onda su Raiuno in prima serata stasera e domani.

La giovane Vanessa Hassler impersona Giulia, la protagonista; Gabriele Greco è Alessandro,  il bellissimo e misterioso ragazzo che le sconvolgerà la vita.

Nei panni dei genitori due grandi attori: Ottavia Piccolo, la simpatica madre, e Andrea Tidona, l’ austero ma comprensivo padre. Luca Bastianello èil fidanzato storico di Giulia, Lucia Antonini è Nonna Laura, Edy Angelillo la Zia Irene.

Giulia è una bellissima ragazza di vent’anni che sta studiando medicina a Firenze. Ogni fine settimana torna ad Arezzo dai suoi: quella di Giulia è una famiglia simpatica e molto unita. Il padre è un apprezzato magistrato, la madre insegna in un liceo e in più ci sono due fratelli più piccoli,  che vanno ancora a scuola.

Un venerdì sera, rientrando in treno ad Arezzo Giulia incontra Alessandro, un bellissimo ragazzo. I due si guardano a lungo, è evidente che si piacciono ma ad Arezzo Giulia scende, mentre il ragazzo, che ha indovinato per lei un quiz di un giochino elettronico resta sul treno diretto a Roma.

Quell’incontro fuggevole turba la protagonista che, tornando a Firenze, sogna di rincontrare lo sconosciuto del treno. E così accade: Alessandro è di Roma,  si occupa di informatica e sta realizzando a Firenze un sistema di sorveglianza per una ditta di deposito valori.

Per quel ragazzo, che la corteggia apertamente, Giulia manda all’aria la sua ordinata esistenza e le sue certezze: lascia il fidanzato Lorenzo con il quale già pensava di sposarsi, litiga con  la madre che è delusa da quella rottura. Nulla ferma Giulia. La sua cotta”per Alessandro le fa superare ogni ostacolo.

Ma la prima notte in cui fa finalmente all’amore con lui, in un piccolo albergo di Firenze, ha una epilogo imprevisto: all’alba i due vengono arrestati.

Alessandro è accusato di aver compiuto assieme a due complici una rapina alla ditta di depositi e prestiti per cui aveva costruito l’allarme, e Giulia è sospettata di essere sua complice. Una rapina finita nel sangue, visto che il direttore della ditta, che si rifiutava di dare la combinazione necessaria ad entrare nel caveau, è stato barbaramente trucidato.

Rilasciata dopo poche ore, la ragazza trova tutta la sua famiglia schierata contro di lei: la figlia di un magistrato  pescata a letto con un rapinatore. Giulia è inizialmente combattuta: non sa se dar retta alle tesi dell’accusa e dimenticarsi una volta per tutte di quel ragazzo, o se credere alla sua innocenza.

Decide di saperne di più e per questo va a Roma, a trovare i genitori di lui. Scopre così che il tipo bello e misterioso è uno studente lavoratore, che viene da una famiglia modesta.

Il legame con Alessandro si fa più forte tanto che Giulia, pur di aiutarlo, arriva a mentire ai propri genitori. L’accenno della madre del ragazzo a un compagno di studi a cui Ale era legato, la induce a credere di essere sulla buona strada per scoprire cosa sia davvero accaduto.

Ma Giulia non è una detective. E per questo avvisa la polizia, riuscendo soltanto ad essere duramente redarguita per la sua iniziativa. Che però ha colto nel segno.

Eppure, la storia fra lei e Alessandro ormai riconosciuto totalmente innocente, sembra finire: sono troppo diversi, e troppa è la distanza che li separa. Giulia torna ai suoi studi, Alessandro rientra a Roma… la vita ricomincia, si ritroveranno? Tutto può succedere.

Vi consigliamo anche