1 Shares 16 Views
00:00:00
16 Dec

Influenza 2017: previsto il picco a Capodanno

Gianfranco Mingione - 7 dicembre 2017
Gianfranco Mingione
7 dicembre 2017
1 Shares 16 Views
influenza-picco-a-capodanno

Capodanno da febbre. Il virus dell’influenza raggiungerà il suo picco il 31 dicembre 2017. A confermare questa previsione sono i medici riunitisi in questi giorni a Firenze per il Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG). L’influenza ha già colpito 467mila italiani ed a questi se ne aggiungeranno molti altri: “Quest’anno il virus influenzale è meno aggressivo ma colpirà un numero maggiore di persone così come già avvenuto nell’emisfero australe, si legge nella nota stampa della SIMG. “Secondo gli ultimi dati disponibili nel 2016-17 si stima che nel nostro Paese ci siano stati 2.000 decessi in più rispetto alla stagione precedente. Si tratta di un dato in linea con la media europea e il fenomeno potrebbe ripetersi anche quest’anno”.

L’invito dei medici a vaccinarsi rivolto alle categorie a rischio

 Dalla SIMG viene lanciato un importante invito a vaccinarsi: “La campagna vaccinale – afferma Claudio Cricelli, presidente della Simg – ha avuto nelle prime settimane un buon riscontro. Devono assolutamente immunizzarsi i pazienti colpiti da patologie croniche, cardiovascolari e respiratorie, anziani, bambini e donne in gravidanza. Per tutte queste persone il vaccino è gratuito e basta recarsi al più presto dal proprio medico di famiglia. Tutti gli altri possono invece liberamente acquistarlo in farmacia”.

Il buon esempio deve partire dai medici

Il dottor Ovidio Brignoli, Vice Presidente Nazionale SIMG, si sofferma invece sul dato non confortante che riguarda il personale sanitario: “Attualmente meno del 10% dei camici bianchi italiani si vaccina regolarmente contro l’influenza. Quest’anno le autorità sanitarie del Regno Unito hanno approvato una nuova legge che obbliga i medici che non si vaccinano a giustificare in modo dettagliato i motivi della loro scelta. Come SIMG chiediamo che anche il Ministero della Salute adotti al più presto un provvedimento simile”.

Il vaccino per festeggiare il Capodanno al sicuro fuori casa

Il dottor Aurelio Sessa, responsabile SIMG del settore: “Nel 2017 in Australia l’influenza ha fatto registrare un 25% di casi in più rispetto all’anno precedentesottolinea il dott. Sessa. L’esperienza ci insegna che queste tendenze tendono a ripetersi nel nostro emisfero dove la brutta stagione arriva dopo. Quindi anche in Italia e in Europa potremmo avere un vero e proprio boom di contagi. La scorsa stagione l’influenza ha interessato in totale oltre 5 milioni e 300 mila italiani e ha fatto registrare altrettante sindromi respiratorie acute. L’anti-influenzale può proteggere fino all’85% una persona adulta e i suoi benefici sono riscontrabili non solo a livello individuale. Più persone si immunizzano, maggiore sarà il contenimento del virus grazie al così detto ‘effetto gregge’”.

(Fonte: www.simg.it)

(Foto: Il Gazzettino di Sicilia)

Loading...

Vi consigliamo anche