0 Shares 193 Views
00:00:00
24 Jun

Olio di palma: la Nutella lo difende a spada tratta

Emanuele Calderone - 28 ottobre 2016
Emanuele Calderone
28 ottobre 2016
193 Views
Ferrero a difesa dell'olio di palma: basta disinformazione

L’olio di palma è l’ultima moda in quanto a spauracchi alimentari. Il terrore innescato dall’allarmismo generale di medici e stampa è stato equiparato, probabilmente, solo dal morbo della mucca pazza. Eppure sono in molti a considerare tutta questa storia esagerata. Di certo sappiamo che l’olio di palma non è il più salutare degli alimenti, ma sembra che questa psicosi cominci a seccare anche qualche addetto ai lavori.

Tra le voci fuori dal coro figura anche il viceministro all’agricoltura Andrea Olivero, stanco di questa campagna allarmista. Il viceministro ha deciso di mettere le carte sul tavolo durante un convegno organizzato dalla Ferrero, una delle più importanti multinazionali italiane. Quest’ultima, nota in tutto il mondo per essere la produttrice niente meno che della Nutella, difende da sempre l’utilizzo di tale olio e lo fa, fermamente, anche nella pubblicità che celebra i 70 anni della celeberrima crema alla nocciola. Il presidente e amministratore delegato della Ferrero Italia, Alessandro D’Este, durante la conferenza ha detto “Siamo in grado di produrre i nostri prodotti utilizzando l’olio di palma perché dal punto di vista della sostenibilità ambientale il nostro olio è migliore di quelli utilizzati dai concorrenti”.

Nonostante possa sembrare una presa di posizione atta più che altro a difendere le politiche aziendali, le parole di D’Este sono state sostenute non solo da un team di medici e scienziati lì presenti, ma anche da Chiara Campione, di Greenpeace, la quale ha dichiarato “Abbiamo lavorato e stiamo lavorando sia con i produttori di olio di palma in Indonesia sia con le grandi aziende che utilizzano l’olio”.

Qual è dunque il vero pericolo dell’olio di palma? Il trattamento che questo riceve dalle piccole aziende che non lavorano nella grande distribuzione che, al contrario, sembra mantenere un comportamento definito da Greenpeace come “virtuoso”.

Nonostante nessuno stia dunque incitando al consumo sfrenato di olio di palma, sembra sempre più chiaro che tutto questo allarmismo sia inutile.

[fonti articolo: quotidiano.net, repubblica.it, ilpost.it, ilsole24ore.com]

[foto: retenews24.it]

Loading...

Vi consigliamo anche