0 Shares 9 Views
00:00:00
13 Dec

Lenovo compra Motorola da Google

LaRedazione
30 gennaio 2014
9 Views
Lenovo compra i telefoni Motorola di Google

Lenovo, colosso cinese dei pc, ha deciso di aprirsi a nuovi mercati e per farlo ha acquistato Motorola Mobility, la sezione di Google che produce smartphone e cellulari.

Per l’operazione sono stati investiti 2,91 miliardi di dollari a fronte dei 12,5 miliardi che Google aveva sborsato appena nel 2011 per assicurarsi la Motorola.

La notizia è stata data dalla Reuters, agenzia di stampa specializzata, e poi rilanciata dalla rivista tecnologica TechCrunch. A quel punto i vertici di Google non hanno potuto che confermare con una nota ufficiale.

Ma come si è giunti a questa operazione? Per Big G la decisione di disfarsi di Motorola è legata prettamente a motivazioni fiscali. I cinesi, invece, sono attratti da alcuni brevetti per smartphone, in particolare Moto X e Moto G. Inoltre, l’acquisizione di un brand storico come la Motorola permetterà alla Lenovo di entrare attraverso un canale privilegiato nel mercato statunitense. Restano comunque di proprietà di Google circa quindicimila brevetti sui diciassettemila registrati e questo giustificherebbe la disparità di prezzo fra quanto pagato da Google nel 2011 e quanto incassato oggi dai cinesi.

Per Google, quindi, la fine di un incubo. Da quando, infatti, è stata acquisita Motorola Mobility, l’azienda non ha mai prodotto utili creando perdite per 248 milioni di dollari. Inoltre, fra perdite e mancati guadagni, il buco è di circa due miliardi di dollari con un taglio del personale che è passato dai ventimila dipendenti che erano in origine ai tremilaottocento attuali.

Indiscrezioni di settore hanno sottolineato come lo scorso anno Lenovo avesse provato ad acquistare BlackBerry, altro colosso del mercato con qualche difficoltà economica, mentre nel 2005 aveva portato a termine l’acquisto dell’Ibm. Grazie alla sua vivacità sul mercato delle acquisizioni, oggi la Lenovo è leader di mercato mondiale nel settore dei pc, avendo superato anche l’Hp. Sul mercato degli smartphone, invece, è quinta con una clientela che si concentra prevalentemente in Cina: l’acquisizione dell’americana Motorola, però, potrebbe aprire le porte ad una leadership anche statunitense.

Larry Page, Ceo di Google, ha ricordato che l’accordo deve essere ancora ratificato sia negli Stati Uniti che in Cina e l’operazione potrebbe richiedere del tempo. Nel frattempo Motorola continuerà la sua attività normalmente, mentre Page si dice sicuro che questa acquisizione sarà di tutto vantaggio per l’azienda di smartphone che spera di riguadagnare quote di mercato e, soprattutto, risanare il buco di bilancio.

Intanto il mercato mondiale resta a guardare in attesa di sapere se l’operazione che vede coinvolti Lenova, Google e Motorola sarà veramente lo scoop del 2014.

 

Vi consigliamo anche