0 Shares 16 Views
00:00:00
17 Dec

Steve Wozniak testimonial dei prodotti Xiaomi

LaRedazione - 14 gennaio 2014
LaRedazione
14 gennaio 2014
16 Views
Xiaomi steve wozniak

 

Steve Wozniak e la Xiaomi. Lui cofondatore della Apple, che ha legato il suo marchio a successi planetari come l’iPhone e l’iPad; l’azienda una giovanissima società cinese fondata nel 2010, che produce smartphone e che nel 2013 è riuscita a vendere il doppio dei suoi prodotti rispetto all’anno precedente. La notizia è che proprio la Xiaomi ha scelto Steve Wozniak come testimonial del suo nuovo modello di smartphone Mi 3.

E così la prossima domenica Wozniak comparirà in un grande evento a Pechino per la presentazione alla stampa cinese del nuovo modello. Nulla si sa del compenso pattuito. L’unica informazione trapelata è che, a conti fatti, al testimonial andrà poco meno del 20% di quanto concordato, in quanto il resto verrà ripartito fra tasse, compensi agli intermediari e quant’altro.

Il cofondatore dell’azienda della mela ha tenuto a precisare che la scelta di fare da testimonial non è assolutamente dettata da ragioni economiche e che in sede di conferenza stampa farà sapere se ha riscontrato problemi nell’utilizzo del Mi 3. Wozniak ha infatti ricevuto in regalo dall’azienda un modello personalizzato dello smartphone proprio per provare con mano le caratteristiche del prodotto. Ed i giudizi sembrano essere lusinghieri: Wozniak ha giudicato i prodotti dell’azienda cinese davvero eccellenti ed in particolare il modello Mi 3 abbastanza all’avanguardia per poter soddisfare anche l’esigente mercato americano.

La particolarità dei prodotti della Xiaomi – ed in particolare del router WiFi Mi che verrà presentato insieme allo smartphone – è quella di essere pensati un po’ sullo stile dei mobili Ikea. I prodotti vengono inviati in vari pezzi ed è cura dell’acquirente riuscire a montarli nel modo giusto. Questa politica permette, proprio come per Ikea, il contenimento dei costi per il cliente finale.
Il modello di smartphone Mi 3 sarà venduto al prezzo di circa 450 euro e avrà diverse varianti di colore: bianco, nero, grigio, rosa, giallo e azzurro.

La Xiaomi non è nuova, in realtà, ad operazioni di questo tipo. Recentemente era stato assunto anche Hugo Barra, ex di un altro grande colosso del settore – Google – segnando la svolta che l’ha resa regina del mercato cinese. Per il 2014 le previsioni sono più che buone: grazie proprio al fondamentale apporto di Barra si pensa di arrivare nei prossimi dodici mesi alla quota di 40 milioni di terminali venduti.

Saprà il contributo del nuovo testimonial Steve Wozniak essere al pari di quello di Hugo Barra? E la Xiaomi vincerà la sua prossima sfida?

Loading...

Vi consigliamo anche