0 Shares 20 Views
00:00:00
15 Dec

Costa Concordia: le operazioni di sollevamento si avvicinano!

LaRedazione
10 settembre 2013
20 Views

Costa Concordia: le operazioni di sollevamento si avvicinano, ma la nave potrebbe restare incagliata davanti all’Isola del Giglio almeno fino al 2014. Una situazione che l’amministrazione locale ha definito sconfortante, e che al momento resta di difficile risoluzione, considerando soprattutto i problemi relativi a quella che sarà l’operazione di raddrizzamento della nave.

Una fase che, pur essendo stata ponderata a lungo (il naufragio della Costa Concordia risale ormai ad oltre un anno e mezzo fa), comporta ancora notevolissimi rischi, ed è praticamente certo che al momento del suo sollevamento, la nave riporterà ulteriori danni. In base all’entità del danneggiamento, si potranno poi valutare i tempi nei quali la Costa Concordia potrà finalmente essere portata via dall’Isola. Più tempo passerà, più i danni a livello ambientale e turistico per l’Isola del Giglio potrebbero essere importanti, come è stato sottolineato dal Sindaco Sergio Ortelli, che ha ricordato come, una volta sollevata, di fronte all’Isola ci sarà di fatto un palazzo di otto piani.

Una deturpazione ambientale evidente, seppur provvisoria, e più tempo il colosso danneggiato resterà davanti alla costa, più i danni per l’Isola del Giglio potrebbero accumularsi, considerando l’importanza rappresentata per l’economia locale dalle attività marittime e turistiche. Si era parlato di rotazione ed altre possibilità, ma avere la Costa Concordia ferma impalata per oltre un anno davanti al Giglio potrebbe sicuramente aggiungere problemi ad una situazione già da mesi e mesi drammatica.

E questa è solo una delle ipotesi, ed anche delle più ottimistiche, considerando che un’operazione di sollevamento di una nave da crociera così grande non è mai stata effettuata prima, e si stanno valutando tutti i possibili effetti collaterali ai quali si potrebbe andare incontro in un’eventualità del genere, da un ulteriore danneggiamento, fino addirittura alla possibilità di spezzare in due la nave, il che aggiungerebbe una catastrofe ad un’altra.

Al momento, non c’è accordo neppure sulla location nella quale la Concordia dovrebbe subire il processo di rottamazione, una volta portata via dall’Isola del Giglio: si parla di Piombino come scelta più logica e più vicina, ma gli ingegneri navali non escludono che, se la nave potrà essere trasportata in mare con un sufficiente livello di sicurezza, l’operazione possa avvenire anche a Palermo. Il sollevamento della Costa Concordia andrà in scena intorno al prossimo venti settembre: le autorità dell’Isola del Giglio hanno già affermato che si tratterà di un momento in cui tutti terranno il fiato sospeso, ma forse la parte più difficile dovrà ancora venire.

Loading...

Vi consigliamo anche