0 Shares 16 Views
00:00:00
14 Dec

California: casa natale di Steve Jobs dichiarata monumento storico

LaRedazione
30 ottobre 2013
16 Views

La casa natale di Steve Jobs diventerà un monumento storico. E’ quanto è stato deciso all’unanimità dal consiglio comunale della cittadina di Los Altos, vicino San Francisco, dove il piccolo Jobs è cresciuto e dove hanno preso forma le sue idee geniali.

E sempre la casa è quella che comprendeva anche il famoso garage divenuto celebre perché ha visto nascere il primo pc assemblato da Jobs con l’aiuto di Steve Wozniak. Proprio in quel garage, Jobs ed il suo socio assemblarono i primi cento computer che furono poi venduti alla Byte Shop di Mountain View, dando così inizio a quella che poi sarebbe diventata la famosa Apple.

Quelle mura videro anche i primi appuntamenti commerciali con possibili investitori e restarono la sede dell’azienda fino a quando, nel 1977, fu trasferita a Cupertino dove ancora oggi risiede.

La casa, che si trova nel mezzo della Silicon Valley e la cui costruzione risale al 1951, è appartenuta ai genitori adottivi di Steve Jobs, che sono deceduti qualche anno fa. La famiglia si era trasferita lì nel 1968 ed è proprio in questo ambiente che il genio del computer crebbe ed iniziò le sue prime sperimentazioni. L’immobile era poi passato nella disponibilità della sorella alla morte dei genitori.

Attualmente il garage è rimasto esattamente come era all’epoca, ad eccezione della porta di ingresso che è stata invece modificata per renderla più funzionale. Diventerà, quindi, insieme alla casa, patrimonio nazionale americano.

La decisione è stata presa senza alcun voto contrario, proprio a conferma di quanto la figura di Steve Jobs sia stata importante per la cultura e la storia americana. Sarà così possibile per tutti visitare la casa-monumento e respirare quell’aria di innovazione tecnologica che deve aver ispirato anche Jobs all’alba della sua invenzione.

Loading...

Vi consigliamo anche